ETFO: “Vaccinare gli insegnanti. Subito” 

di Mariella Policheni del April 6, 2021

TORONTO - Mentre in Ontario il piano vaccini sta entrando nel vivo della fase 2, sindaci e medici stanno sollecitando il governo a ripensare le categorie da considerare prioritarie per garantire la massima sicurezza possibile ai lavoratori in prima linea. A chiedere una riorganizzazione della distribuzione dei vaccini sono i sindaci di Toronto e Peel, le due regioni della provincia più colpite dalla pandemia.

Il sindaco di Mississauga, Bonnie Crombie, afferma che i vaccini devono essere diretti alle persone più vulnerabili negli hotspot di Covid-19 mentre il sindaco di Brampton, Patrick Brown, ha twittato sulla necessità di vaccinare i lavoratori essenziali. “Dobbiamo fermare la diffusione alla fonte - ha detto Brown - i nostri luoghi di lavoro essenziali sono stati il p unto di partenza per le epidemie di Covid-19”.

Impennata di contagi e terapie intensive ormai al limite della capienza stanno mettendo sotto pressione il sistema sanitario della provincia. La raccomandazione del dottor Michael Warner, primario del reparto di terapia intensiva del Michael Garron Hospital, è quella di vaccinare gli under 50 nelle zone che registrano un alto tasso di contagi del virus, eseguire test rapidi obbligatori in ambienti di lavoro affollati e rendere i datori di lavoro responsabili della diffusione dei contagi sul posto di lavoro.

E tra le categorie non adeguatamente protette, rientra ad esempio, quella degli insegnanti. Al momento un docente di 47 anni sano come un pesce prima di contrarre il virus, si trova intubato in un ospedale di Toronto.

“Non abbiamo più aggettivi per descrivere quanto seria, traumatica e assolutamente tragica è questa situazione - ha detto il dottor Abdu Sharkawy del Toronto Western Hospital - agli insegnanti non vengono forniti dispositivi di protezione individuale adeguati, le dimensioni delle classi sono troppo grandi e poco o nulla è stato fatto per affrontare i problemi di ventilazione”.

I contagi nelle scuole, hanno raggiunto complessivamente, quota 13.278. “Dobbiamo proteggere i nostri insegnanti - ha aggiunto Sharkawy - non si può credere che le scuole siano immuni alla possibilità di trasmettere questo virus. I nostri insegnanti hanno bisogno di una protezione migliore, hanno bisogno di più dignità, rispetto e necessitano di vaccini. Altrimenti gli insegnanti moriranno”.

E da oggi rimangono chiuse per un periodo di due settimane tutte le scuole della Peel Region: lo ha deciso l’ufficiale medico sanitario di Peel, il dottor Lawrence Loh. Gli studenti di Brampton, Caledon e Mississauga passeranno quindi all'apprendimento a distanza.

“Questa chiusura è un passo necessario per proteggere il personale e gli studenti - ha detto Loh - con l'aumento del numero di casi e la presenza di varianti che destano preoccupazione, dobbiamo interrompere la trasmissione e mantenere le nostre scuole al sicuro”.

Appena pochi giorni fa il ministro dell’Istruzione, Stephen Lecce, aveva assicurato che il governo non aveva intenzione di chiudere le scuole a causa dell'aumento dei casi di Covid-19 ma solo di rafforzare le misure di prevenzione e controllo delle infezioni.

L’Elementary Teachers’ Federation of Ontario (ETFO) ieri ha esortato la provincia “a prendere provvedimenti immediati per garantire la sicurezza di insegnanti e studenti, compreso un passaggio temporaneo dall'apprendimento di persona a quello virtuale”.

“I docenti credono fermamente che l'apprendimento in presenza, se svolto in sicurezza, sia da preferire. Purtroppo, a causa del ripetuto rifiuto del governo Ford di effettuare gli investimenti necessari, ciò non è semplicemente possibile in molte zone della provincia. Il governo, i consigli scolastici e le Public Health Unit devono intraprendere azioni immediate per garantire che gli studenti e il personale siano al sicuro”.

L’ETFO ha anche esortato il governo Ford a iniziare a "vaccinare tutti i lavoratori essenziali subito", compresi i lavoratori dell'istruzione. “Non farlo, con così tanti vaccini disponibili nei congelatori, è negligente e pericoloso”, ha detto Hammond.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.