CorrCan Media Group

Diritto al daycare per altri lavoratori essenziali

Diritto al daycare per altri lavoratori essenziali

Diritto al daycare per altri lavoratori essenziali

TORONTO – Obiettivo sui bambini. È su di loro che si è concentrata ieri l’attenzione del governo dell’Ontario che ha deciso di ampliare ulteriormente l’elenco dei lavoratori essenziali che hanno i requisiti per poter usufruire gratuitamente dei servizi per l’infanzia durante l’epidemia di Covid-19.

Tra i beneficiari figurano le persone che lavorano nella catena di approvvigionamento alimentare, nelle case di riposo, nei negozi di generi alimentari e nelle farmacie oltre ad alcuni impiegati federali, inclusi i militari.

Da quando è stato introdotto il servizio di assistenza all’infanzia il mese scorso, sono stati riaperti nelle comunità di tutta la provincia quasi 100 asili insieme a 40 “Licensed home child care agencies”.

Ad annunciarlo, durante la consueta conferenza stampa da Queen’s Park, è stato il premier Doug Ford assieme a Stephen Lecce, ministro della Pubblica Istruzione e Christine Elliott, vicepremier e ministro della Salute.

«Mentre i nostri lavoratori in prima linea si prendono cura di noi, dobbiamo essere certi di prenderci cura di loro e delle loro famiglie – ha esordito Ford – fornire assistenza d’emergenza per i figli, alleggerisce i nostri lavoratori essenziali di una preoccupazione quando sono sul posto di lavoro per salvare vite umane, per proteggerci o mantenere gli scaffali pieni di cibo e altre cose necessarie».

Per accogliere un numero maggiore di bambini, 37 centri aggiuntivi sono stati approvati e riapriranno nei prossimi giorni. «Stiamo fornendo assistenza di emergenza per i bambini a un maggior numero di lavoratori in prima linea durante questo difficile periodo, faremo tutto il necessario per aiutarli – ha aggiunto il ministro Lecce – stanno facendo enormi sacrifici e noi saremo lì per loro, giorno dopo giorno».

La provincia amplierà inoltre i test nelle strutture per l’infanzia. La decisione giunge dopo che tre membri dello sta“ del Jesse Ketchum Early Learning and Child Care Centre – asilo in funzione per accogliere i figli dei la voratori essenziali – sono risultati positivi al test per il Covid-19.

Non è mancata la domanda a Ford su eventuali date per la riapertura delle attività in Ontario dal momento che altre province si stanno preparando al riavvio della loro economia. «Non sono disposto a correre questo rischio – ha detto Ford – siamo in una situazione diversa rispetto a Saskatchewan e Manitoba e ovviamente anche al Quebec. Abbiamo fatto così tanto finora in questa battaglia… e verrà anche quel momento, arriverà prima o poi, speriamo presto».