CorrCan Media Group

Autismo, il governo Ford rivede i tagli

Autismo, il governo Ford rivede i tagli

TORONTO – Un comitato consultivo sull’autismo – voluto dal governo dell’Ontario, dopo un’ondata di proteste – ha ieri pubblicato un rapporto nel quale si raccomanda di “riconoscere le esigenze degli adulti autistici”, esprimendo preoccupazione per i possibili tagli ai servizi loro destinati.

Il comitato – composto da genitori, adulti autistici, psicologi e analisti comportamentali – è stato nominato dopo una campagna di proteste che ha costretto il governo a tornare indietro sul suo piano precedente.

Il programma originario avrebbe visto le famiglie ricevere un massimo di 20.000 dollari l’anno per i bambini sotto i sei anni, con finanziamenti che scendevano a 5.000 dollari sino ai 18 anni, in base al reddito familiare.

I familiari delle persone affette da autismo sostengono che i servizi dovrebbero essere basati sulle necessità di un bambino, non sul reddito.

Il ministro provinciale per l’infanzia, la comunità ed i servizi sociali, Todd Smith, si è impegnato in un nuovo programma basato sui bisogni.

Il rapporto del comitato consultivo sull’autismo sostiene che i massimali annuali sui servizi saranno inevitabili, in modo tale che vengano serviti quanti più bambini possibile ed il programma sia sostenibile.

Nel frattempo, sette famiglie di nove adulti autistici stanno facendo causa al governo Ford per “violazione del contratto e negligenza” dopo che parte dei fondi loro destinati erano stati bruscamente interrotti la scorsa estate.

La loro lotta solleva domande difficili sul trattamento equo dei bambini autistici, sui limiti dei finanziamenti pubblici e sul dovere dei governi di onorare gli impegni passati.

Già venti anni fa – dal 1999 e negli anni successivi – le famiglie delle persone affette da autismo protestarono (contro diverse amministrazioni succedutesi a Queen’s Park, ndr) nei confronti di una politica che limitava i finanziamenti per la terapia comportamentale ai bambini autistici di età inferiore ai sei anni.

L’amministrazione provinciale estese quindi i finanziamenti per tutti i bambini autistici, sino all’età di 18 anni.

Nel 2004, una sentenza ordinò all’Ontario di pagare tutti i costi della terapia.

La decisione venne appellata due anni dopo, ma il governo ha continuato a finanziare i singoli trattamenti per un costo totale di circa 1,5 milioni di dollari l’anno.

Giorgio Mitolo

More in Ontario