CorrCan Media Group

Trudeau: carta digitale per contrastare l’odio sul web e le fake news

Trudeau: carta digitale per contrastare l’odio sul web e le fake news

TORONTO – Una Carta Digitale per il contrasto delle fake news e dell’odio via web.

È quanto ha annunciato ieri Justin Trudeau durante il suo intervento alla conferenza Viva Technology di Parigi, un summit che ha visto la partecipazione di capi di Stato e di governo e del gotha mondiale del settore tecnologico, dei social media e di Internet.

Per ora si tratta solamente di una dichiarazioni d’intenti del primo ministro canadese.

Il provvedimento, rivoluzionario, verrà messo a punto nei prossimi mesi e dovrebbe entrare di diritto nella piattaforma programmatica del partito liberale in viste delle elezioni federali di ottobre.

La situazione è preoccupante e complessa – ha ammesso Trudeau – perché si tratterà di coniugare e fare una sintesi tra temi estremamente delicati come quello della privacy degli utenti, le esigenze dei big del web e dei social network – Google, Facebook, Facebook e via dicendo – e la necessità di contrasto verso coloro che promuovono l’odio, l’intolleranza, il razzismo, la xenofobia attraverso i nuovi canali mediatici.

E da questo punto di vista il Canada si è messo in linea con gli alri Paesi che hanno preso parte al summit “Christchurch Call” nella capitale francese, durante il quale è stata sancita la necessità di un maggiore coordinamento a livello internazionale per combattere chi utilizza Internet per diffondere messaggi di violenza e razzismo.

Trudeau sempre ieri è stato impegnato in un incontro bilaterale con il presidente francese Emmanuel Macron, mentre nel primo pomeriggio ha visitato la cattedrale di Notre Dame, devastata lo scorso 15 aprile da un terribile incendio.

Mercoledì lo stesso Trudeau aveva fatto sapere che il Canada avrebbe dato il suo contributo alla ricostruzione della cattedrale, che avverrò nei prossimo cinque anni: Ottawa infatti invierà legname e acciaio che saranno utilizzati nei lavori che dovrebbero riportare Notre Dame ai suoi splendori.

Sempre ieri il primo ministro ha avuto modo di incontrare Jimmy Wales, fondatore di Wikipedia, e il primo ministro della Nuova Zelanda Jacinda Ardern, con la quale ha discusso della strage di Christchurch dello scorso 15 marzo, dove 51 persone persero la vita.