CorrCan Media Group

Unicef: in 10 anni oltre 170mila violazioni dei diritti dei bambini

Unicef: in 10 anni oltre 170mila violazioni dei diritti dei bambini

NEW YORK – Secondo l’Unicef, i bambini sono coloro che continuano a pagare il prezzo più alto per i conflitti che imperversano in tutto il mondo.

Dall’inizio del decennio, le Nazioni Unite hanno verificato oltre 170.000 violazioni gravi contro i bambini in zone di conflitto, ovvero oltre 45 violazioni ogni giorno negli ultimi dieci anni.

Il numero di Paesi in conflitto è il più alto dall’adozione della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza nel 1989, con decine di conflitti armati violenti che uccidono e causano mutilazioni ai bambini e li costringono a fuggire dalle loro case.

Nel 2018, le Nazioni Unite hanno verificato oltre 24.000 violazioni gravi contro i bambini, fra cui uccisioni, mutilazioni, violenza sessuale, rapimenti, rifiuto di accesso agli operatori umanitari, reclutamento di bambini e attacchi su scuole e ospedali.

Gli sforzi di monitoraggio e segnalazione sono stati rafforzati, ma il numero è di oltre due volte e mezzo più alto rispetto a quello registrato nel 2010.

Oltre 12.000 bambini sono stati uccisi o mutilati nel 2018. L’utilizzo continuo e diffuso di bombardamenti aerei e armi esplosive come mine da terra, mortai, ordigni esplosivi improvvisati, attacchi missilistici, munizioni a grappolo e attacchi di artiglieria, causano la grande maggioranza degli incidenti tra i bambini nei conflitti armati.

Gli attacchi e le violenze contro i bambini non sono rallentati nel 2019. Durante la prima metà dell’anno, le Nazioni Unite hanno verificato oltre 10.000 violazioni simili contro i bambini, anche se i numeri reali potrebbero essere molto più alti.

Nel corso del 2019, a gennaio violenze, sfollamenti e condizioni climatiche invernali estremamente dure in Siria settentrionale e orientale hanno ucciso almeno 32 bambini.

A febbraio si sono verificati diversi attacchi violenti contro i centri di cura per l’ebola nella Repubblica Democratica del Congo orientale, e gli attacchi sono continuati in tutto l’anno.

A marzo oltre 150 persone, fra cui 85 bambini, sono stati uccisi durante un attacco da parte di un gruppo armato al villaggio di Ogossagou, nella regione Mopti del Mali centrale, con un ulteriore attacco a Sobane-Kou in cui sono rimasti uccisi altri 24 bambini.

Ad aprile 14 bambini sono stati uccisi e 16 gravemente feriti da un’esplosione vicino a due scuole a Sana’a, in Yemen, dove 1 scuola su 5 non può più essere utilizzata come diretto risultato del conflitto.

A settembre, due milioni di bambini ancora non andavano a scuola in Yemen e circa la metà aveva abbandonato dopo l’inizio del conflitto nel 2015.

A metà dicembre, in Afghanistan, in media 9 bambini erano stati uccisi o mutilati ogni giorno nei primi nove mesi del 2019.

More in Breaking News
Festa Terelle
Feb Sun ,2018