CorrCan Media Group

«Quell’uomo aveva davvero uno sguardo agghiacciante»

«Quell’uomo aveva davvero uno sguardo agghiacciante»

TORONTO – Ancora in stato di shock, nelle ore successive alla sparatoria, numerosi testimoni hanno descritto il panico sul volto delle persone che correvano all’impazzata lungo Danforth Avenue per mettersi in salvo.
Secondo un passante sarebbero stati almeno venti i colpi di pistola esplosi dall’omicida: «Ho visto la carneficina mentre correvo – ha detto l’uomo – una cosa assurda, almeno quattro persone sono state colpite vicino alla fontana».
Andrew Mantzios, un altro testimone della sparatoria, ha detto che a un certo punto si trovava a soli tre metri di distanza dal cecchino. «Ho notato che aveva i capelli lunghi, un cappello nero e una maglietta scura con le maniche lunghe arrotolate – ha detto Mantzios – era magro e aveva uno sguardo agghiacciante in volto. Una donna è caduta a terra mentre correva, lui le è andato vicino ed ha esploso due colpi contro di lei, senza battere ciglio».
Jody Steinhauer si trovava in un vicino ristorante per festeggiare un compleanno quando ha sentito gli spari. «Pensavamo che fossero petardi, il rumore era così forte – ha detto – una donna presa dal panico ha iniziato a urlare ed è stata portata all’interno del locale fino a quando sono giunti i paramedici».
Un altro testimone ha detto di aver visto il killer attraversare la strada di fronte a lui a un incrocio, ma di non avere immediatamente capito cosa stava succedendo finché non ha visto l’uomo fermarsi davanti a un bar e aprire il fuoco. «Ha tirato fuori una pistola nera e ha iniziato a sparare mandando in frantumi la vetrina – ha detto l’uomo – ho visto che si muoveva a zig-zag da una parte all’altra della strada e che premeva il grilletto ogni volta che vedeva delle persone. Si dirigeva verso di loro e iniziava a sparare, per lui si trattava di obiettivi facili da colpire».
Jessica Young ha detto che era in un ristorante quando l’uomo armato ha sparato due volte attraverso la vetrina. «Abbiamo sentito un colpo di pistola, un botto davvero forte – ha detto la Young – pensavo che qualcosa fosse caduto ed istintivamente mi sono abbassata per ripararmi e ho visto un uomo armato attraverso la vetrina».
Una donna di nome Diana ha detto che stava servendo una famiglia di quattro persone nel locale Demetres Danforth quando l’uomo vestito di nero ha aperto il fuoco verso la caffetteria. «Tutti hanno iniziato a urlare e a piangere – ha detto – sono corsa verso la parte posteriore del negozio e sono scesa nel seminterrato». La cameriera ha detto che quando è tornata al piano terra ha visto la bambina della famiglia stesa a terra. «Sua madre stava piangendo – ha detto Diana – quella ragazzina ha appena iniziato la sua vita…».
Un altro testimone ha detto che verso le 10 di domenica sera stava guidando lungo Danforth quando si è fermato per offrire il suo aiuto. «C’erano due persone stese a terra – ha detto – due ragazzine distese a terra ferite. Uno di loro è morta».
John Tulloch ha detto che si trovava con suo fratello quando ha sentito tra i 20 e i 30 colpi di arma da fuoco. «Abbiamo visto gente che correva all’impazzata e senza pensarci un minuto abbiamo iniziato a correre anche noi”.
Una donna che ha assistito alla scena ha detto di non credere ai suoi occhi: «Questo è il mio quartiere, è pazzesco. Non mi sarei mai aspettata una cosa simile”.

More in Breaking News
Festa Terelle
Feb Sun ,2018