CorrCan Media Group

Quasi 5.200 morti in Canada, 2.000 a Montreal

Quasi 5.200 morti in Canada, 2.000 a Montreal

Quasi 5.200 morti in Canada, 2.000 a Montreal

TORONTO – Il Canada ha superato dunque i settantamila casi di contagio, attestatisi ieri a quota 71.099, con un aumento di 1.194 positivi rispetto a lunedì.

I morti complessivi erano ieri nel Paese 5.167, con 175 vittime in più rispetto a lunedì. A ieri erano 33.707 le persone guarite, 1.057 in più rispetto alle 24 ore precedenti.

L’Ontario ha ieri raggiunto quota 20.907 positivi al Covid-19, pari al 29,4% del totale nazionale, con un aumento di 361 casi. Il numero delle vittime è salito a 1.725, con 56 decessi in più rispetto alla giornata precedente.

Quanto ai guariti il totale era ieri di 15.391, pari al 73,6% dei contagiati. Ricoverate in ospedale c’erano ieri ancora 1.025 persone, 192 delle quali in terapia intensiva e 146 collegate ai ventilatori per la respirazione assistita.

Era ieri di 459.921 il totale delle persone sottoposte a test in Ontario, 11.957 delle quali nelle ultime 24 ore, mentre 10.811 erano i casi ancora sotto indagine.

Sempre in Ontario, risultavano ieri 180 le case di riposo e di lungodegenza che hanno registrato casi di contagio da Covid-19. 2.972 gli anziani degenti rimasti contagiati in queste case di riposo e 1.239i decessi avvenuti nelle strutture.

Nelle stesse residenze a lungodegenza, sono stati 1.677 gli operatori sanitari rimasti infettati dal pericoloso virus polmonare e 3 i deceduti.

In Quebec – la provincia canadese più colpita dalla pandemia di coronavirus – i casi di contagio erano ieri 39.225, con un incremento di 756 positivi rispetto alle 24 ore precedenti, mentre i guariti erano 9.703, con un aumento di 435 persone che hanno superato la malattia polmonare.

Il numero dei deceduti – nella provincia francofona – è ieri salito a 3.131, con un incremento di 118 decessi in più rispetto a lunedì.

Solo nell’area metropolitana di Montreal erano ieri decedute un totale di 2.003 persone che avevano contratto il Covid-19.