CorrCan Media Group

Ontario, ieri il giorno con più contagi: 211

Ontario, ieri il giorno con più contagi: 211

Ontario, ieri il giorno con più contagi: 211

TORONTO – Impennata nel numero dei contagi in Ontario. Sessanta casi in più ieri rispetto a sabato: 211 le persone risultate positive al Covid-19, due i morti.

Dopo aver toccato quota cento lo scorso mercoledì e 170 il giorno seguente, il numero dei casi è sceso a 135 venerdì ma la risalita è iniziata di nuovo sabato con 151 casi positivi al virus e ieri quando con i 211 è stato registrato il numero più alto dal 23 gennaio, giorno in cui il paziente zero, ovvero la persona che avrebbe dato il via all’epidemia di coronavirus in Canada, è stato ricoverato al Sunnybrook Health Sciences Centre.

L’uomo, 50 anni di età, era tornato a Toronto il 22 gennaio dopo un viaggio a Wuhan e Guangzhou, epicentro di quella che di lì a poco sarebbe diventa la pandemia che ha messo il mondo in ginocchio.

Sono 1.355 i casi confermati di Covid-19 in Ontario inclusi 221 decessi. Finora sarebbero 40mila le persone risultate negative al virus.

In Canada, ha detto il Chief Public Health Offi•cer del Canada Theresa Tam, sono almeno 5.878 i contagiati, inclusi i 63 decessi.

Tam ha notato che quasi un terzo delle persone ricoverate in ospedale con la malattia ha dai 40 anni in giù.

La provincia canadese che continua a registrare il più alto numero di contagi è il Quebec: ammontano a 2,840 i casi complessivi mentre i 4 decessi hanno fatto salire a 22 le persone che non sono riuscite a sconfiggere il virus.

Sono numeri importanti anche quelli registrati in British Columbia: 844 con 17 morti in totale. Ieri i nuovi casi sono stati 92, una la persona deceduta. Ma la provincia situata tra l’Oceano Pacifico e le Montagne Rocciose ha anche annunciato che circa il 45% dei pazienti – 121 persone – si è ripreso.

In Alberta i contagi – inclusi i 79 di ieri – sono saliti a 621, in Saskatchewan sono 134 e in Manitoba 64, incluso un decesso. 122 sono le persone infettate dal Covid-19 in Nova Scotia, 120 i casi in Newfoundland and Labrador, 51 quelli registrati in New Brunsick, 4 in Yukon e 1 nei Northwest Territories.

Solo in Nunavut, territorio più grande e più a nord del Canada, non sono stati riportati contagi da Covid-19.

Tra alti e bassi siamo comunque in mezzo ad una pandemia che continua a seminare morte. Proprio per non abbassare il livello di guardia, la dottoressa Tam ,che sta guidando il Canada in una crisi sanitaria senza precedenti, ha ribadito che anche se vediamo di tanto in tanto qualche spiraglio di luce “non possiamo ancora cantare vittoria” e che ora è il momento di “raddoppiare assolutamente tutti gli sforzi per arginare il dilagare ancora crescente del coronavirus”.

Ieri almeno otto vigili del fuoco della GTA sono risultati positivi al Covid-19: sei pompieri lavorano a Toronto, uno a Mississauga ed un altro ad Oakville.

«Nessuno dei pompieri di Toronto si trova ricoverato in ospedale», ha dichiarato Frank Ramagnano, presidente della Toronto Firefighters Association.

Il capo dei pompieri di Mississauga, Tim Beckett, ha affermato che le persone che hanno avuto un contatto diretto con il vigile del fuoco risultato positivo, sono state contattate dalla sanità pubblica e ora sono in autoisolamento.

Intanto la caserma dei pompieri #116 in prossimità di Tomken e Derry Road è stata pulita a fondo e sanificata.