CorrCan Media Group

In Italia 2.503 morti ed oltre 31.500 contagiati

In Italia 2.503 morti ed oltre 31.500 contagiati

In Italia 2.503 morti ed oltre 31.500 contagiati

ROMA – “Registriamo 345 deceduti, in totale sono 2.503. Registriamo 192 guariti, il totale è 2941. Ci sono altri 2.989 positivi, il numero complessivo è 26.062. 11.108 in isolamento, 2.060 in terapia intensiva”.

Sono i dati diffusi ieri da Angelo Borrelli, commissario straordinario per l’emergenza coronavirus e capo della Protezione Civile, secondo il quale “è prematuro fare previsioni sulla diffusione del coronavirus al Sud Italia”.

“Molte aziende si sono rese disponibili a produrre mascherine e anche grazie al dl approvato dal governo avverrà presto’’, ha sottolineato quindi Borrelli, rispondendo sulle tempistiche per la produzione delle prime mascherine di fattura italiana.

A ieri, quindi, in Italia sono stati 31.506 i casi di positività totali al Covid-19. È quanto è emerso dal monitoraggio sanitario relativo alla di usione del Coronavirus sul territorio nazionale di uso dal Dipartimento della Protezione Civile, presso la cui sede proseguono i lavori del Comitato Operativo al fine di assicurare il coordinamento degli interventi delle componenti e delle strutture operative.

Nel dettaglio regione per regione i casi attualmente positivi sono 12.095 in Lombardia, 3.404 in Emilia- Romagna, 2.488 in Veneto, 1.302 nelle Marche, 1.764 in Piemonte, 1.024 in Toscana, 661 in Liguria, 550 nel Lazio, 423 in Campania, 347 in Friuli Venezia Giulia, 368 nella Provincia autonoma di Trento, 282 nella Provincia autonoma di Bolzano, 320 in Puglia, 226 in Sicilia, 192 in Umbria, 216 in Abruzzo, 112 in Calabria, 115 in Sardegna, 134 in Valle d’Aosta, 19 in Molise e 20 in Basilicata. Sono 2.941 le persone guarite.

I deceduti sono 2.503, ma questo numero potrà essere confermato solo dopo che l’Istituto Superiore di Sanità avrà stabilito la causa effettiva del decesso.

In Italia, dall’inizio dell’epidemia di Coronavirus, 31.506 persone hanno contratto il virus Sars-CoV-2. Di queste, sono decedute 2.503 e sono guarite 2.941. Attualmente i soggetti positivi sono 26.062, ma il conto sale a 31.506 se nel computo si comprendono anche i morti ed i guariti.

Qui gli esperti spiegano come si devono interpretare i dati, indicando quali sono le variabili da tenere d’occhio per capire l’andamento dell’epidemia. I pazienti ricoverati con sintomi sono 12.894; 2.060 sono in terapia intensiva, mentre 11.108 sono in isolamento domiciliare fiduciario.

Nel frattempo, erano ieri tutti occupati gli 80 letti di terapia intensiva riservati ai pazienti ricoverati in gravi condizioni per il coronavirus all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, la zona più colpita dall’epidemia. La drammatica situazione, confermata da fonti ospedaliere, è stata registrata nella giornata di ieri. Per i malati che avranno bisogno di ventilazione e ossigeno, si farà ricorso alla rete delle terapie intensive italiane. I pazienti ricoverati in terapia intensiva – solo in Lombardia – erano ieri 879, con 56 degenti in più rispetto a domenica.