CorrCan Media Group

«I trustee saranno giudicati alle prossime elezioni»

«I trustee saranno giudicati alle prossime elezioni»

«I trustee saranno giudicati alle prossime elezioni»

di Mariella Policheni

TORONTO – Di novità non ce ne sono molte in attesa del prossimo meeting del Board in programma il 20 dicembre. Sarà durante questo incontro che verrà sottoposto all’attenzione dei trustee e condiviso con il pubblico il Report 2 del “Maple PAR Final Staff Report with Community Consultation”. I genitori, però non nascondono la loro preoccupazione, il loro disappunto per la eventuale chiusura della scuola Our Lady of Peace. Una chiusura che temono sia oramai stata decretata dallo York Catholic District School Board e dai trustee. Sono queste le convinzioni della maggior parte dei genitori e, tra questi, di Joe De Matteis, i cui figli frequentano la scuola di Maple a rischio chiusura.

Come giudica il meeting pubblico sul PAR dello scorso 10 novembre?

«Il meeting è stato uno spettacolo negativo. Il personale dello Ycdsb è stato presente ma era impreparato per far fronte alla quantità di persone che ha partecipato, le loro risposte collettive sono state contraddittorie e non molto bene preparate: non sono stati in grado di rispondere a tutte le domande e spesso hanno differito le risposte in modo da poter fare una ricerca e dare le risposte in un secondo tempo. È stato chiaramente un incontro organizzato allo scopo di “tranquillizzare” i genitori dei ragazzi della Our Lady of Peace, una cosiddetta “lavata di faccia”. Non credo proprio che si aspettassero il numero di genitori preoccupati che erano effettivamente presenti. Quel che è chiaro è che hanno creato cattivo sangue tra due scuole – la Our Lady of Peace e Father John Kelly – una cosa che va contro il “Mission and statement” dello stesso Ycdsb. Una vergogna totale».

Brevemente, quali svantaggi causerà a parer suo, la chiusura della Olp?

«Preoccupazioni per la sicurezza dal momento che molti dei nostri figli, per raggiungere la scuola, dovranno attraversare una strada principale e non è stato molto tempo fa che uno studente è stato investito e ucciso su Keele Street, non molto lontano dalla Father John Kelly. Inoltre la Fjk si trova vicino a una colonnina di benzina ed è risaputo che le esalazioni e l’esposizione al benzene, una sostanza cancerogena che causa il cancro secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’American Cancer Society e altri studiosi, medici e chirurghi, è pericolosa. Il rischio sarebbe enorme per tutti i ragazzi che dovrebbero frequentarla. Di tutte le 9 scuole elementari di Maple in seno allo Ycdsb, la Fjk è l’unica scuola elementare situata vicino a un distributore di benzina, in questo caso proprio con il cortile e il daycare della scuola vicini alla colonnina di rifornimento di benzina».

Come mai la scuola è stata costruita proprio lì?

«Lo staff amministrativo dello York Catholic District School Board ha stabilito, ed oggi fa parte delle proprie regole, che non si può costruire una scuola elementare su una strada principale. Hanno fatto l’errore quando hanno costruito questa scuola, oggi per loro stessa ammissione questa eventualità non sarebbe neppure stata presa in considerazione. Delle 90 scuole elementari presenti nella York Region, la Father John Kelly è la scuola elementare costruita accanto ad un distributore di benzina, qualcosa che non doveva essere approvato fin dall’inizio. Quella presa dallo Ycdsb è stata una decisione imprudente dettata dall’ignoranza, oggi possono raddrizzare una decisione sbagliata scegliendo di mantenere tutti gli studenti sani e sicuri».

Pensa che i genitori riusciranno a far cambiare idea allo Ycdsb?

«Speriamo di sì. Se lo Ycdsb vuole avere una mente aperta, deve rivalutare l’intero processo MPAR nella sua interezza. La messa in pratica delle procedure di questa valutazione è totalmente in conflitto e piena di pregiudizi. Hanno preso di mira la Olp fin dall’inizio e non hanno più cambiato idea. Ci sono 9 scuole elementari cattoliche a Maple, alcune hanno un tasso di utilizzo molto basso, sono più vecchie e nonostante ciò non fanno parte di questa revisione. Hanno diviso Maple con un confine fittizio – nord e sud – un confine che non è mai esistito prima, al fine di giustificare la loro “opzione preferita” che guarda caso è la loro unica proposta al momento della pubblicazione del loro Initial Staff Report».

Ritiene che il modo in cui il processo è gestito (PAR Review, ecc.) sia corretto?

«Assolutamente no! Stanno spingendo questo procedimento accelerato (procedimento modificato invece di standardizzato) giù per la gola della nostra comunità. Possiamo rispettare il fatto che il personale amministrativo abbia identificato una “opzione preferita” – il problema è che hanno introdotto una sola opzione – come può questo essere giusto? Il Board dei trustee non deve prendere alcuna decisione perché il loro staff lo ha già fatto, offrendo una sola soluzione, la chiusura della Our Lady of Peace. Come può tutto questo essere democratico? L’integrità di tutto il Board è sotto processo qui. Se non ascoltano l’intera comunità che li ha eletti in primo luogo, rischiano di essere giudicati nelle prossime elezioni: sarà lì che ci faremo sentire in modo forte e chiaro!»

Perché nessuno, nemmeno i trustee, ascoltano quanto hanno da dire i genitori? Essi sono stati eletti dalla gente e dovrebbero rappresentare le persone che li hanno votati: cosa ne pensa?

«La democrazia al suo meglio! Il nostro fiduciario scolastico locale si rifiuta di incontrarci per discutere di questo argomento di persona e non ha risposto alle molte telefonate di persone della nostra comunità. Si nasconde dietro lo schermo di un computer e risponde alle domande con il sistema di “copia e incolla” usando il rapporto PAR. Noi sappiamo che lei rappresenta tutte e tre le scuole incluse nel rapporto PAR. Lei ha l’obbligo in base al nostro processo democratico che le ha dato questa posizione di cominciare a promuovere il dialogo attivo e produttivo in modo da prendere la migliore decisione possibile per i veri soggetti che contano in questo rapporto: i suoi elettori».

Ha già pensato a cosa farà se il prossimo settembre la scuola Our Lady of Peace verrà chiusa?

«Noi, che come comunità saremo costretti a trovare un’altra scuola il prossimo settembre, abbiamo deciso di prendere in considerazione l’eventualità di togliere i nostri figli dal sistema scolastico cattolico e di iscriverli alle scuole del provveditorato pubblico, forse loro faranno un lavoro migliore nell’ascoltare le persone interessate. Poi, forse, avranno bisogno di preparare un altro PAR perché avranno ancora meno studenti e più spazi sottoutilizzati nel loro sistema. Forse chiuderanno un’altra scuola cattolica? Chissà se l’Arcidiocesi di Toronto e il cardinale Tom Collins interverranno e faranno un lavoro migliore per mantenere la comunità cattolica unita invece di allontanarla».

Considerato tutto quello che sta succedendo, quale è la sua conclusione?

«Non riesco a trovare un senso in tutto questo. Se davvero si preoccupano del benessere e della sicurezza di tutti gli studenti del loro Provveditorato, allora dovrebbero eliminare quello che abbiamo ora sul tavolo della discussione e fare uno studio completo di tutte le 9 scuole di Maple. È il minimo che possono fare».

(Venerdì 2 dicembre 2016)

Scarica “«I trustee saranno giudicati alle prossime elezioni»”

More in Breaking News
Festa Terelle
Feb Sun ,2018