CorrCan Media Group

A Toronto, il 2020 si apre all’insegna della violenza

A Toronto, il 2020 si apre all’insegna della violenza

TORONTO – Così come si era concluso il 2019, anche il nuovo anno si è aperto – nella GTA – all’insegna del sangue e della violenza.

Alle 22.30 di mercoledì 1 gennaio un 21enne è stato assassinato a colpi d’arma da fuoco mentre si trovava tra River ed Oak Street e Dundas Street, nella zona di Regent Park.

Insieme a lui, un altro uomo è rimasto ferito dai colpi esplosi, ma non sarebbe in pericolo di vita.

Gli agenti giunti sul posto a seguito di una chiamata non hanno potuto far altro che constatare l’avvenuta morte del giovane, mentre all’altro individuo sono state prestate le prime cure ed è stato ricoverato in terapia intensiva.

Gli inquirenti indagano sui motivi all’origine della sparatoria, mentre procedono a visionare i filmati ripresi dalle telecamere di sicurezza presenti nella zona.

Ad allontanarsi dalla scena del delitto sarebbero stati almeno due uomini, ancora non identificati, che si sono dati alla fuga a bordo di un’auto sedan di colore scuro.

Si è trattato ufficialmente del primo omicidio avvenuto a Toronto dall’inizio dell’anno.

Il 2019 si era concluso altrettanto nel sangue e col 77esimo omicidio avvenuto nell’arco di dodici mesi, con la morte violenta di un 17enne avvenuta – appena due minuti prima della mezzanotte di capodanno – durante uno scontro a fuoco verificatosi nella zona tra Autumn Boulevard ed Alderbury Crescent, vicino a Bramalea Road.

Il giovane è stato poi identificato come Jordan Henry, residente a Brampton. I detective sono tuttora alla caccia degli assassini e del movente all’origine della sparatoria fatale.

Poche ore prima dell’arrivo della mezzanotte, un altro uomo era stato ucciso a colpi d’arma da fuoco, in un parcheggio sotterraneo situato nelle vicinanze di Neilson Road e Crow Trail.

Anche in questo caso gli inquirenti stanno visionando il materiale registrato dalle telecamere a circuito chiuso per risalire all’identità dei colpevoli e per ricostruire l’esatta dinamica della sparatoria.

Tornando alla giornata di capodanno, un 50enne è rimasto ferito nel corso di un’aggressione avvenuta al centro di Toronto, Carlton Street e Sherbourne Avenue. A seguito di una colluttazione, l’uomo ha riportato diverse ferite di arma da taglio ed è stato ricoverato presso il St.Michael Hospital, senza però essere in pericolo di vita. La polizia non ha ancora eff ettuato alcun arresto ma sarebbe sulle tracce dell’aggressore.

Sempre mercoledi sera, un uomo è stato ritrovato privo di vita nei pressi di una piscina pubblica situata tra Woodbine Avenue e Lake Shore Boulevard West. La polizia di Toronto ritiene il caso sospetto ma non lo ha ancora confermato come omicidio, in attesa dei risultati dell’autopsia in corso sul cadavere.

Ed ancora poco dopo la mezzanotte di capodanno una persona è rimasta seriamente ferita – dai colpi infertile con un corpo contundente appuntito – mentre cercava di separare una coppia che stava litigando in strada, all’altezza di Portland ed Adelaide, nel cosiddetto Fashion District di Toronto.

Ieri, infine, è nuovamente comparso in tribunale il 14enne accusato di aver ucciso a coltellate – lo scorso 7 ottobre, all’uscita da scuola, ad Hamilton – il coetaneo Devan Bracci-Selvey, da tempo oggetto di ripetuti atti di bullismo da parte di un gruppo di giovani che frequentavano la stessa scuola. Il giovane Devan venne ucciso davanti alla mamma che era andata a prenderlo.

More in Breaking News
Festa Terelle
Feb Sun ,2018