CorrCan Media Group

4 luglio, la Celebrazione può portare al lutto nazionale

4 luglio, la Celebrazione può portare al lutto nazionale

4 luglio, la Celebrazione può portare al lutto nazionale

TORONTO – Il Covid-19 non si ferma per le festività né va in vacanza. Negli Stati Uniti, c’è stato un aumento dei casi confermati positivi di Covid-19 che hanno preoccupato funzionari statali ed esperti medici. Gli americani negli Stati Uniti sono caduti nella tentazione di radunarsi per tutto il fine settimana per celebrare i festeggiamenti in occasione del Giorno dell’Indipendenza. Il 4 luglio è una festa federale che commemora la Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti.

 

Ora, i casi Covid-19 sono in aumento. Ci sono oltre 2,8 milioni di casi positivi confermati secondo il Center for Disease Control and Prevention (CDC). Ad oggi, quaranta giurisdizioni hanno riportato finora oltre 10.000 casi di Covid-19.

La mappa degli Stati Uniti, qui sopra, illustra gli Stati con la più alta concentrazione di casi, secondo il CDC. Il colore blu scuro indica quegli Stati con oltre 40.000 casi positivi confermati a partire da sabato 4 luglio.

Secondo i dati della Johns Hopkins University, gli Stati Uniti hanno riportato oltre 50.000 nuovi casi solo sabato. Questa è una tendenza che è stata segnalata per il terzo giorno consecutivo.

La recente ondata negli Stati del Sud ha allarmato sia i funzionari statali che quelli canadesi. Molti canadesi amano andare in vacanza in quegli Stati, essendo la Florida uno dei punti di destinazione più popolari.

È preoccupante perché la Florida, ad esempio, con 190.052 casi positivi confermati ha riportato il più alto aumento giornaliero – 11.445 ieri. Questo segna il più alto aumento dei casi in un solo giorno dall’inizio della pandemia.

Rispetto all’Ontario, con oltre 35.000 casi positivi confermati, l’aumento giornaliero dei casi in Florida è di circa il 30% dei casi totali nella provincia.

L’aumento di casi in Florida nel solo giorno di sabato supera di gran lunga il conteggio di un solo giorno dei Paesi europei dall’apice dell’inizio dell’epidemia in Europa.

Miami-Dade, la contea più popolosa dello Stato della Florida, ha il maggior numero di casi positivi confermati, 44.729. Con questo ha a che fare il sindaco della contea di Miami-Dade, Carlos Giménez che tiene duro sulla riapertura di casinò, club e luoghi di intrattenimento.

Venerdì, il sindaco ha imposto un coprifuoco notturno indefinito ai frequentatori di feste e ha chiuso le spiagge durante il fine settimana.

Un altro Stato del Sud a segnalare un aumento record in un solo giorno è stato il Texas. Sabato, lo Stato ha riferito 8.258 nuovi casi portando il totale dei casi positivi confermati a 195.769. In tutto il Canada, ci sono stati solo 105.317 casi.

Il ritmo con cui stanno crescendo i casi recentemente confermati ha preoccupato il governatore del Texas, Greg Abbot, che ha ordinato di indossare le mascherine di protezione in gran parte dello Stato. Ciò è in contrasto con la sua precedente posizione nel rifiutare di permettere ai governi locali di imporre tali ordini.

In tutti gli Stati del Sud si registra un aumento di nuovi casi quotidiani.

La scorsa settimana, la California ha raggiunto un livello record con una media settimanale di 6.402 nuovi casi al giorno. Sabato, lo Stato ha riportato un aumento di 3.718 nuovi casi portando il totale dei casi positivi confermati a 248.235.

In che modo tutto ciò si confronta con noi in Ontario? Ad esempio, uno dei nostri Stati di confine, New York, ha riportato 863 nuovi casi portando il totale dello stato a 421.637 casi positivi confermati.

In Ontario, la provincia ha riportato solo 121 nuovi casi per un totale di 35.656 casi a livello provinciale.

Il confine tra Canada e Stati Uniti rimane chiuso ai viaggi non essenziali almeno fino alla fine del mese. Negli Stati Uniti, alcuni Stati hanno revocato i loro “blocchi” nelle ultime settimane. Man mano che più persone aumentano il proprio cerchio di relazioni sociali e interagiscono più liberamente tra loro, le prossime due settimane determineranno l’impatto che questi cambiamenti avranno sul conteggio dei casi.

Il Premier dell’Ontario ha dichiarato che non esiterà a ripristinare le misure di “blocco”, se necessario.