ADDIO, REGINA ELISABETTA

di corriere canadese del September 8, 2022

LONDRA - Addio alla sovrana che ha regnato in UK per 70 anni, amata in tutto il mondo. Il figlio Carlo diventa così il nuovo Re e Camilla la Regina consorte. Accanto a Elisabetta II nelle ultime ore tutta la sua famiglia, i figli e i nipoti. Le sue condizioni si erano aggravate nelle ultime 48 ore: si è spenta nel castello di Balmoral, in Scozia. Bandiere a mezz’asta a Buckingham Palace. Migliaia i messaggi di cordoglio sui social.

Lo aveva promesso in un discorso alla nazione nel giorno del suo 21mo compleanno: "Dichiaro di fronte a voi che l’intera mia vita, per lunga o corta che sia, sarà dedicata al vostro servizio”. Lo aveva promesso, e così è stato: anche nei momenti più duri, come la pandemia di Covid-19: "Ci incontreremo di nuovo". O quando, dopo aver detto addio al compagno di una vita, il principe Filippo, ha chiesto comunque al Paese di gioire del presente.

Nata Elizabeth Alexandra Mary il 21 aprile del 1926, nipote del dimissionario Re Edoardo VIII e figlia di Re Giorgio VI, è diventata la Regina Elisabetta II il 6 febbraio 1952. Aveva appena 26 anni. Ausiliaria durante la Seconda guerra mondiale, protagonista del regno più lungo della storia britannica, dal suo trono ha influenzato e testimoniato la storia del suo Paese e del mondo intero. Con lei il Novecento delle guerre mondiali e della Guerra fredda, del rock’n roll e di internet, dei telefoni cellulari e della tv a colori, del ’68 studentesco e del ’89 del socialismo reale, del Papa polacco e dell’Europa Unita, perde la sua ultima protagonista. Con lei, muore il Novecento.

Come da tradizione, ha ricevuto i suoi premier ogni settimana; se Winston Churchill è stato il primo e il più amato, è con Tony Blair che ha attraversato e superato il momento più difficile per la Famiglia Reale. L’addio a Lady D. Ingiustamente accusata di freddezza, lei che non pianse neanche in occasione della morte del padre che adorava. Giustamente accusata di non capire la reazione collettiva alla morte della Principessa del Popolo, si fece perdonare chinando il capo al passaggio del suo feretro, ricordandola "eccezionale, e piena di doti” in un discorso alla Nazione.

Ascoltare la sua gente. Una lezione imparata e mai dimenticata. Lo dimostrò commossa incontrando le vittime dell’incendio della Grenfell Tower, collante di un Paese sfibrato. Lo elaborò quando, con grazia e dispiacere, affrontò la scissione dei duchi del Sussex: a Harry e Meghan concesse la sua benedizione ma tutelò l’istituzione, soprattutto dalle accuse di razzismo che pure la ferirono. Lo affermò quando tolse titolo e gradi militari al figlio prediletto, lasciandolo senza la protezione della Corona nella sua battaglia legale contro Virginia Giuffre e il fantasma di Jeffrey Epstein. Bastone e carota, simbolo di stabilità per il Regno e di guida per la Famiglia. Così supera gli scandali degli anni 90, con il 1992 delle separazioni e dell’incendio al Castello di Windsor definito "anno orribile" per arrivare poi ai matrimoni e alle nascite, gli scandali e gli addii del terzo millennio – gioie e dolori.

Se ne va amatissima, bond girl d’eccezione, nonna affettuosa e bisnonna spiritosa. Le corse di Ascot perdono la tifosa più appassionata; amante di cavalli e cani, i tanti corgi che le hanno fatto compagnia per decenni. Moglie amata e innamorata, protagonista di un matrimonio non privo di difficoltà, ma che comunque le faceva definire Filippo "la mia roccia". I quattro figli sono quelli che hanno sofferto di più la sua idea di monarchia che è dovere e sacrificio, rigidità e protocollo: in una parola, servizio. Carlo, Anna, Andrea ed Edoardo oggi la piangono, e con loro il Regno intero.

Un regno che Elisabetta ha accompagnato sulla strada della decolonizzazione più o meno pacifica, che ha visto attraversare crisi politiche, silenziosa ma non per questo assente, e che lascia più piccolo, tra spinte nazionaliste e alla ricerca di una nuova identità tra Europa e Stati Uniti, alle prese con un mondo in continua trasformazione. In mezzo, la storia - a 360 gradi.

L’arrivo della minigonna e gli scioperi dei minatori, i punk e la Cool Britannia di Tony Blair, gli attentati dell’Ira e quelli del terrorismo islamico, la crisi della middle class e la sfida dell’integrazione, il primo inquilino donna di Downing Street e i Beatles baronetti.

Capisaldi la sterlina, che la raffigura; la guida a sinistra, che ha praticato fino all’ultimo e la forza di un popolo che si spezza, magari, ma di certo non si piega. Un popolo come lei, che ha combattuto il nazismo e visto esplodere le bombe atomiche, festeggiato la caduta del Muro di Berlino e la fine dei Troubles in Irlanda del Nord, ricevuto il primo presidente afroamericano degli Stati Uniti e sostenuto la fine dell’apartheid, lei che ricordava le Torri Gemelle e visto l’uomo camminare sulla Luna.

Lei che ha fatto e vissuto la storia. Lei, che ha accompagnato il Regno Unito nel nuovo Millennio. E che ora lo saluta: quel trono, senza Elisabetta II non sarà più lo stesso.

Con la morte della Regina Elisabetta (1926-2022) è sarà il principe Carlo a diventare re, e in subordine William. Il primogenito di Sua Maestà attende la corona da una vita, da quando il primo luglio 1969 è stato investito del titolo di principe del Galles. Carlo, 73 anni, si prepara a diventare sovrano britannico da quando è bambino: tutta la sua educazione è stata impostata con l’obiettivo di istruirlo per poter ricoprire questa carica. Il meccanismo è regolato dall’Act of Settlement del 1701.

Dopo Carlo, la linea di successione al trono coinvolge il principe William, 40 anni, primogenito di Carlo e Lady Diana, secondo nella successione. William, duca di Cambridge, è spostato dal 2011 con Kate Middleton e a sua volta ha tre figli (anche loro in linea di successione dietro William con ordine di data di nascita). Carlo è quindi primo, William secondo, George (il primogenito di William) è terzo, Charlotte (la seconda figlia di William) è quarta, Louis (il terzogenito) è quinto.

Dopo William si inserisce il fratello Harry che come secondogenito di Carlo si posiziona al sesto posto nella successione. Subito dietro Harry ci sono i suoi figli, avuti con la moglie Meghan Markle: Archie è settimo e Lilibet è ottava.

Il regolamento reale affonda le sue radici in due documenti del Parlamento britannico, il Bill of Rights del 1689 e l’Act of Settlement del 1701.

La regolamentazione si rese necessaria dopo la "Gloriosa Rivoluzione" del 1688, in cui il sovrano Giamo II Stuart fuggì e la corona venne offerta a Guglielmo d’Orange, marito di Maria, figlia del precedente sovrano. Questo atto sancisce un principio importante, come ricordato anche dal portale della famiglia reale: il sovrano regna attraverso il parlamento, il quale potrebbe anche revocare la corona in caso di cattivo governo.

Obiettivo del parlamento all’inizio del XVIII secolo era escludere ogni pretesa della discendenza illegittima di Giacomo: dopo la morte di Guglielmo e l’interregno di Anna, ultima regina Stuart, solo gli eredi della cugina, principessa Sophia del Palatinato sarebbero stati papabili per il trono. Giorgio I di Hannover, figlio di Sophia, è infatti il primo re della nuova dinastia, che durante la Prima Guerra Mondiale cambiò il suo nome in Windsor. Da lui discende l’attuale famiglia britannica. Secondo l’Act of Settlement, ogni membro reale è sempre immediatamente seguito nella successione dal suo discendente più diretto, i figli maggiori hanno la precedenza su quelli minori e quelli nati al di fuori del matrimonio non possono essere presi in considerazione.

La regina Elisabetta è stata la seconda monarca al mondo ad aver regnato più a lungo, dopo il re di Bhumibol Adulyadej (solo 70 anni). Prima di lei, solo il re Sole, 72 anni e 110 giorni, dal 14 maggio 1643 (aveva 5 anni) alla morte avvenuta nel castello di Versailles l’1 settembre 1715 a 76 anni.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.