Pd indebolito e a pezzi, chi parla per l’Italia?

di Redazione del February 21, 2017
TORONTO - Da ogni punto di vista, l'Italia recita un ruolo importante per il Canada. È la nona economia mondiale; è un significativo partner commerciale (uno che ha bisogno delle nostre risorse naturali); è la quarta più popolare destinazione per il turismo; è un centro per la cultura, l'innovazione, il design il manifatturiero fatto a regola d'arte e, adesso in modo più significativo, dati i nostri interessi nell'avere il Ceta ratificato, è la terza maggiore economia europea (circa il 50 per cento maggiore di quella del Canada per il Pil).
La Diaspora italiana include il 5 per cento della popolazione canadese, una che continua a distinguersi per il suo fiero attaccamento al Canada, il suo senso progressivo di costruzione della nazione, la sua autonomia e la sua prospettiva globale. 
Costruendo su questi asset, nel corso degli ultimi anni, la leadership relativamente giovane del Canada ha iniziato a coltivare legami più forti con la sua controparte italiana.
Questo è stato fino a poco tempo fa, soprattutto nella relazione che si stava sviluppando tra i due primi ministri, Justin Trudeau e il suo collega più giovane, Matteo Renzi.
Ahimè, ultimamente le cose non sono andate molto bene per quella alleanza e convergenza di interessi. Renzi, una volta (e ancora) dinamico agente per il cambiamento, viene sfidato dal pubblico e dal suo partito, il Partito democratico al governo.
L'Italia, nonostante la sua cultura e la sua raffinatezza, e’ nota anche come paese di popolazione turbolenta, se non addirittura ribelle. È una caratteristica coltivata lungo i millenni quando la Penisola veniva soggetta a un invasore dopo l'altro. 
Lungo la seconda parte del 2016, l'insoddisfazione verso Renzi ha dato vita a uno slogan usato dai sui nemici politici per “calunniare” il giovane Renzi: sì all'autorità, ma no all'autoritarismo.
È sembrato che la Natura e gli eventi internazionali si siano uniti in una cospirazione per sminuire la sua “risolutezza”. 
Il sorprendente risultato della Brexit, e in seguito l'improbabile vittoria di Trump, hanno dato nuova vita alle obiezioni di una sempre rigida opposizione. Questa ha sostenuto che l'Europa fosse inutile ai problemi di crescita dell'Italia; livelli mai raggiunti di disoccupazione tra le donne e i millenials - circa il 55 per cento in alcune regioni del Sud – e 300mila rifugiati letteralmente ripescati dalle acque del Mediterraneo negli ultimi due anni (il Canada ne ha accolti appena 30mila negli ultimi 16 mesi).
In agosto (e settembre), i terremoti hanno raso al suolo diverse città e hanno provocato centinaia di vittime. Questo metterebbe a dura prova qualsiasi leadership. La scorsa settimana il costo delle operazioni di salvataggio, ricostruzione e messa in sicurezza hanno raggiunto la cifra astronomica dell'equivalente di 32 miliardi di dollari canadesi.
Quindi, a dicembre, Renzi ha perso il suo tentativo di trasformare l'architettura  politica del governo italiano, quando il fronte del Sì ha subito una sconfitta nel referendum nazionale. Alcuni dei leader del suo stesso partito hanno sostenuto le ragioni del fronte del No.
 Gli italiani, inizialmente, contenti nel vedere in Renzi un potenziale attore principale nel rifacimento dell'Europa, hanno poi mutato il voto referendario in una battaglia contro il globalismo e l'immigrazione.
Renzi si è dimesso da premier; ha installato uno dei suoi fedelissimi come Primo Ministro; ha fatto un rimpasto di governo e ha iniziato il processo per ristrutturare il suo partito. 
Ma quando piove, diluvia. Uno dei suoi collaboratori più stretti ha perso il voto per diventare Presidente del Parlamento Europeo contro un altro italiano espressione del centrodestra lo scorso gennaio.
Durante la convention del Pd per determinare il futuro del partito lo scorso fine settimana, Renzi è diventato il bersaglio di tutti coloro che si dovevano togliere qualche sassolino dalla scarpa contro di lui. Renzi ha dato del suo meglio.
Chi pratica la scienza politica in Italia è un artista nell'oratoria e un professionista nella ideologia e nella filosofia. Si tratta di una potente miscela che maschera una altrimenti nuda sete di potere.
Ci sono dozzine e dozzine di “intellettuali pubblici”, nessuno di questi è ingenuo politicamente o impreparato.
Gli italiani preferiscono che la loro lotta politica sia risolta alla luce del sole e non dietro le quinte. La lotta diventa quasi teatrale. Ma il Pd ne esce indebolito e a pezzi.  
  Il valore dell'Italia per il Canada, come alleato in Europa e nel palcoscenico mondiale soffrirà di un momentaneo passo indietro, almeno fino a quando vi sarà una ripartenza politica. 
 

Potrebbero interessarti...

Toronto - La Premier Wynne è entrata nel sistema elettorale, quindi capirà l’analogia con la Palla a Canestro.  Ha proposto  per domani un incontro con Joe Mancinelli (nella foto), vice presidente internazionale del LiUNA, il sindacato più grande nel settore edilizio del Canada. Secondo le cifre, solo nella GTHA i suoi distretti  vantano circa 70mila tesserati.
Wynne cercherà di rimettere in gioco la palla (politica) contro un pressing totale. E la squadra LiUNA potrebbe anche decidere di uscire dal campo. Potrebbe risultare disastroso perché, se non “alleati”, il governo liberale e il sindacato sono stati tradizionalmente “amici”, per reciproci interessi.
Poi, negli ultimi dieci giorni, dopo aver rivisto la Legge di Stabilità ( Bilancio) nel suo insieme, gli addetti e i legali del LiUNA hanno evidenziato cambiamenti proposti sugli “Ordini di Designazione” stabiliti nei primi anni ’70, ai sensi della legge sulle relazioni lavorative.
Il Budget Omnibus Bill copre una varietà di leggi che necessitano di emendamenti, che vanno messi in atto, una volta approvato il Bilancio. Uno di questi include la Schedule 14, ai sensi del Labour Relation Act (emendato nel 1995).
Sotto la Legge risalente al 1974, “Gli ordini della Designazione” aveva assegnato alcuni sindacati e le loro sedi giurisdizionali in specifiche aree geografiche in base a determinati impieghi. Il governo di quel tempo, con a capo il premier Bill Davis, con l’idea di creare una certa stabilità lavorativa nel settore economico dove i lavoratori venivano sfruttati e gli esborsi per gli appalti erano all’ordine del giorno.
TORONTO - Donald Trump sembra virare da una crisi comunicativa all’altra. Stiamo assistendo ad un’esperienza simile a un passeggero che si trova a bordo di una macchina in un autoscontro del Carnival Midway, non si va da nessuna parte, ma il brivido di evitare la prossima collisione sfuma ad ogni momento che passa. In sei mesi del suo mandato, il Presidente degli USA, in tutta evidenza, pare impegnato a mostrare al mondo di essere non solo il “capo supremo”, ma che è anche pronto  - se non occupato - ad invertire modi di fare (esistenti da tempo) e tendenze che hanno caratterizzato le società democratiche occidentali e progressiste compresi anche i valori sociali che ne derivano. Le rivolte e la tragedia a Charlottesville potrebbero essere il momento definitivo della sua Presidenza. Ma egli non sembra rendersi conto delle totali conseguenze, lasciando un vuoto enorme che ognuno può riempire come vuole.
È alquanto difficile immaginare che qualcuno così immerso nel mondo internazionale delle finanze, nel potere esecutivo, nella cultura e tra le “personalità globali” si fermerebbe a valutare le sfumate situazioni che caratterizzano la sua autorità nel suo paese e all’estero. Non meno di sei direttori generali  di compagnie con interessi internazionali hanno abbandonato il suo Consiglio Consultivo dopo i pasticci del suo unico messaggio che gli Americani (e chiunque con un po’ di coscienza) avrebbe voluto ascoltare a seguito di Charlottesville: non c’è spazio nella nostra società per gli estremisti, e chiunque voglia riportarci ai giorni bui del passato avrà addosso tutto il peso della Presidenza e del Sistema. 
Ha fatto pausa. Poi ha peggiorato la situazione, suggerendo che i neo-nazisti e gli estremisti che espando odio potrebbero non essere così malvagi. 

Comments are closed.

Il quotidiano italiano in Canada
© Copyright M.T.E.C. Consultants LTD.
3800 Steels Ave. W., Suite 300, Vaughan ON, Canada
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.