CorrCan Media Group

La reazione del Canada è stata triste

La reazione del Canada è stata triste

La reazione del Canada è stata triste

Caro Direttore: una crisi insegna lezioni sul carattere. La reazione dell’Italia all’ultima crisi conferma che la nuova generazione vive l’orgogliosa tradizione della maturità professionale e sociale. Qualunque errore sia stato commesso all’inizio, c’è stato un impegno per test significativi e trasparenza delle informazioni. Riflette la disciplina culturale che una città può testare rapidamente ogni residente e reagire apertamente ai risultati. Non ci sono mistificazioni sulle statistiche reali. I valori tradizionali sono stati appresi. L’Italia è in buone mani.
Ad oggi, la reazione del Canada è triste. Un paese con 14 politiche antivirus spesso in competizione. Statistiche che non significano nulla perché qualcuno ha dimenticato le sostanze chimiche necessarie per i kit di prova. Confini chiusi che rimangono aperti. Economia chiusa con cantieri aperti. Paura economica per molti. Sicurezza solo per i lavoratori governativi, nessuna assistenza sanitaria o sicurezza per un milione di lavoratori privi di documenti, tra cui molti dei nostri cugini, che sono abbastanza buoni per dare il loro sangue, ma non abbastanza per vivere. Questo non è il paese che abbiamo costruito.
Romano Sapone