CorrCan Media Group

“Il ministro Hussen ha fatto peggio dei suoi predecessori”

“Il ministro Hussen ha fatto peggio dei suoi predecessori”

di Franco Misuraca *
TORONTO – Un vecchio detto, anzi, per essere più preciso, si tratta di una metafora, diceva: “O il cielo si alza o la terra si abbassa”. Veniva spesso usata quando capitava qualcosa di cui si capiva poco o niente.

Il Primo Ministro Justin Trudeau ha nominato suo Ministro per l’Immigrazione un certo Amhed Hussen, il quale indubbiamente raccoglie una eredità poco piacevole lasciata dal precedente governo conservatore. Ma il nuovo Ministro non ha nessuna volontà di porre fine allo scempio creato dai conservatori, anzi, in qualche caso, ha peggiorato ulteriormente la situazione, discriminando apertamente quasi tutti i Paesi europei.

La mia non è una critica gratuita ma è una constatazione di fatto. L’attuale Ministro non deve dimenticare che questo Paese, il Canada, e così tutti i canadesi, gli hanno consentito di venire in Canada riconoscendogli asilo politico in considerazione delle condizioni politiche e economiche del Suo paese di origine, accogliendolo e riconoscendogli tutti i benefit previsti dalla legge e gli hanno dato l’opportunità di diventare Ministro.

Il sottoscritto, Franco Misuraca, è stato in Somalia per circa 18 mesi, quindi conosce bene da dove viene il signor Ministro. Mi chiedo se il suo è un caso clinico, perché altrimenti il cielo si alza o la terra si abbassa. Come si può mantenere mezzo milione di persone che, inserite nel mondo del lavoro a tutti gli effetti, rischiano di essere rimpatriate nei loro Paesi di provenienza. Il Canada ha bisogno di questa manodopera.

Il Ministro ci dice che il Canada ha bisogno di 250.000 nuovi operai oggi. Come è possibile che il sig. Ministro, nonostante le innumerevoli richieste, non abbia preso nessuna decisione sul caso Demitri e cioè di quella famiglia italiana che aspetta da oltre cinque anni di poter regolarizzare la propria posizione in Canada, e che ha sempre vissuto in questo Paese senza elemosinare contributi o elargizioni e che, per di più, ha quattro figli perfettamente inseriti nel contesto canadese, e di questi ben due sono nati in Canada.

Il Ministro deve fare chiarezza e precisare quali sono le sue reali intenzioni. Se non ne ha il coraggio o la volontà è opportuno che si dimetta da un incarico per il quale non ha la capacità politica.

* Franco Misuraca, rappresentante Canada Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo