OMS: cronaca
di un fallimento globale

di corriere canadese del November 2, 2021

TORONTO - La notizia più intrigante sul fronte Covid-19 questa settimana è arrivata sotto forma di un annuncio che l'attuale direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sta cercando un rinnovo del mandato di 5 anni.

Come capo dell'OMS, l'attuale direttore generale è sinonimo di un fallimento globale, ma sta cercando un altro incarico di 5 anni in un'organizzazione che vanta un budget annuale di 7,2 miliardi di dollari (USD). Finora non sono emersi concorrenti.

Eppure, a due anni dall'inizio di una pandemia, stiamo ancora lottando con l'assenza di procedure comuni implementabili in ogni caso di scoppio di una pandemia globale. Sapevamo che stava arrivando. Avevamo sperimentato indicatori di una futura pandemia globale come la SARS e l'HIV-Aids.

L'OMS avrebbe dovuto mettere in atto almeno una procedura globale che qualsiasi nazione potesse immediatamente attuare di fronte ad una possibile pandemia. Sembra che l'OMS si sia concentrata sull'identificazione e il monitoraggio. Niente di proattivo. Gestione e poco altro. Fine della storia.

Anche se non sono a favore dei trattamenti obbligatori, credo nella prevenzione. Fino a quando le vittime non hanno iniziato a soccombere a decine di migliaia, eravamo beatamente inconsapevoli della vera virulenza del Covid-19. Abbiamo concentrato le nostre strategie per tenere sotto controllo il contagio. Nel contesto di ciò che sapevamo nei primi giorni del 2020, le misure estreme adottate fino ad oggi sembrano tollerabili.

Ma ora è il momento di tornare alla pratica della medicina basata sull'evidenza. È importante capire che la pratica normale consiste nel prescrivere medicinali che sono stati sviluppati e approvati per il trattamento di una malattia specifica.

La FDA e Health Canada approvano raramente i farmaci per prevenire una malattia, ad eccezione dei vaccini. Ci sono poche eccezioni. Ad esempio, i nostri farmaci per abbassare il colesterolo sono stati sviluppati sulla base del famoso Framingham Heart Study che ha raccolto dati epidemiologici per oltre 50 anni proprio per identificare i fattori di rischio per le malattie cardiovascolari. È stato da quello studio epidemiologico che abbiamo appreso che non era solo il colesterolo alto a essere un fattore di rischio cardiovascolare, ma anche il diabete, l'ipertensione, la storia familiare e una storia di fumo, ecc. Quei dati hanno cambiato il nostro stile di vita e il trattamento delle malattie cardiache.

Per quanto riguarda il Covid-19, l'elenco dei fattori di rischio non è così esaustivo, quindi, anziché utilizzare dati basati sull'evidenza, continuiamo a rispondere con tattiche apparentemente estreme. Continuare a fare così è un modo molto rischioso di prescrivere medicinali.

Come scienziato clinico, suggerisco che la nostra priorità dovrebbe essere l'analisi dei dati degli ospedali sui pazienti che sono stati sottoposti a supporto ventilatorio e/o che sono morti dopo aver contratto il COVID 19. Non dobbiamo aspettare molti anni per questo studio epidemiologico poiché ogni ospedale in ogni nazione del globo hanno già raccolto e continuano a raccogliere questi dati. In futuro, quei dati possono servire come base per il trattamento vaccinale basato sull'evidenza per COVID 19 e le sue varianti familiari.

Ad esempio, gli anziani possono essere maggiormente a rischio perché con l'età aumenta l'incidenza di fattori di rischio che impedirebbero una corretta respirazione, spingendo così la necessità di un ventilatore, pena il soccombere al COVID 19.

Una strategia preventiva potrebbe iniziare con uno studio epidemiologico globale basato sull'ospedale incentrato sul nostro vaccino sui pazienti con questi fattori di rischio indipendentemente dall'età:
- Malattia cardiovascolare nota
- Diabete
- Malattie immunitarie
- Storia di cancro e/o diagnosi attuale
- Coloro che sono dipendenti da tempo da alcol o altre droghe
- Malattie respiratorie come l'asma o la bronchite cronica o gravi allergie respiratorie
- Quelli che sono più anziani e mostrano segni di debolezza
- Bambini con una storia di asma e/o inclini all'influenza annuale
- Bambini con fibrosi cistica
- Coloro che lavorano in ambienti tossici come un'azienda chimica ecc. o che sono esposti a fumi di catrame ecc.
- Coloro che lavorano in ambienti chiusi come aerei o lavorano nelle miniere ecc.

L'OMS dovrebbe utilizzare il suo budget per lo studio di cui sopra. Suggerirei al Canada, agli Stati Uniti, all'Italia e ad altri di responsabilizzare l'OMS per i loro recenti fallimenti e chiedere una leadership che si concentri sulla prevenzione. Il Covid-19 non sarà la nostra ultima minaccia globale.

Carmella Pitoscia-Angus
BScN., MSc., MBA

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.