CorrCan Media Group

Demografia della forza lavoro dell’Ontario nelle costruzioni

Demografia della forza lavoro dell’Ontario nelle costruzioni

Demografia della forza lavoro dell’Ontario nelle costruzioni

TORONTO – Il ruolo dell’industria delle costruzioni nella ricostruzione dell’economia ha un maggiore potenziale con una forza lavoro che abbraccia la diversità. I mestieri qualificati, in particolare, sono un fattore importante nell’economia canadese. Il cambiamento è una buona cosa. L’assunzione di misure per la costruzione di una forza lavoro più forte, diversificata e inclusiva svolge un ruolo importante nella ripresa economica del Paese. La Provincia dell’Ontario sembra essere in testa a quella missione.

Il Consiglio Distrettuale dei Carpentieri dell’Ontario (CDCO) ha appena nominato Chris Campbell come nuovo rappresentante per l’Uguaglianza e la Diversità. Lavorando con l’industria, i comuni e vari gruppi comunitari, Campbell mira a incoraggiare opportunità di equità, inclusione e diversità all’interno del settore edile.

“Il CDCO ha il dovere di fare la sua parte per garantire che il futuro del settore delle costruzioni sia inclusivo”, ha dichiarato Mike Yorke, Presidente del CDCO.

Nel prossimo decennio, la forza lavoro edile dell’Ontario intraprenderà un cambiamento generazionale. Secondo i dati più recenti di Statistics Canada, circa 500.000 persone sono impiegate nel settore delle costruzioni dell’Ontario.

Si prevede che nei prossimi dieci anni la provincia perderà quasi 86.000 lavoratori, in particolare nei mestieri qualificati, a causa del pensionamento. Ciò esercita pressioni sull’industria edile per sviluppare e acquisire un’ampia gamma di lavoratori altamente qualificati.

È attraverso gli sforzi di persone come Chris Campbell, insieme al CDCO, che si sostiene il reclutamento e l’apprendistato della prossima generazione di professionisti del settore edile. La crescita del reclutamento di gruppi sotto rappresentati, tra cui donne, popolazioni indigene e nuovi canadesi, può generare una forza lavoro attraente e diversificata.

Che cosa significa essere diversi? Si tratta di una vasta gamma di differenze umane, tra cui, ma non solo di genere, identità di genere, razza, origine etnica, capacità fi siche, fede e valori etici.

Con il rapporto di dicembre 2019, stilato da Demographics and Diversity e preparato per il Segretariato delle costruzioni dell’Ontario, si possono comprendere meglio le caratteristiche della popolazione impiegata nel settore edile in Ontario.

Ad esempio, gli immigrati costituiscono il 26% della forza lavoro totale nel settore edile, seguiti dalla rappresentanza femminile che rappresenta appena il 12%. La percentuale di donne scende quindi al 3% per le occupazioni in loco e nei mestieri qualificati. Solo nei mestieri qualificati, le minoranze visibili (persone non caucasiche, di colore o non bianche) rappresentano il dieci per cento. Questa demografi a non include le popolazioni indigene, che rappresentano solo il 3% della forza lavoro edile. Poiché la forza lavoro mira a diventare più inclusiva in tutte le capacità, circa il 10% del settore è rappresentato da individui che vivono con un qualche tipo di disabilità. Ciò potrebbe includere difficoltà relative all’udito, alla deambulazione, all’apprendimento, eccetera, che interferiscono con le attività della vita quotidiana a causa di problemi fisici, mentali o legati alla salute.

Comprensibilmente, c’è sempre spazio per migliorare ed attirare candidati più diversificati, sia a livello locale che dall’estero. Costruire una forza lavoro più solida e diversificata può portare ad una riduzione dell’emarginazione dei dipendenti ed aprire opportunità per un pool più ampio di potenziali candidati.

Poiché sempre più organizzazioni, come il CDCO, promuovono l’equità e l’inclusione, un migliore coinvolgimento e la responsabilizzazione tra gli imprenditori e tutti i dipendenti, si può migliorare l’innovazione all’interno del settore.

Creare un ambiente che valorizzi e rispetti gli individui per le loro differenze, capacità, talenti e competenze rappresenta un grande potenziale per l’industria a ricostruire l’economia nel suo complesso.