CorrCan Media Group

Remembrance Day 2020, Onoriamo i nostri caduti

Remembrance Day 2020, Onoriamo i nostri caduti

Remembrance Day 2020, Onoriamo i nostri caduti

TORONTO – Ogni anno, l’11 novembre, i canadesi osservano il Giorno della Memoria (Remembrance Day). È una giornata solenne che segnala la fine della Prima Guerra Mondiale e onora gli uomini e le donne che hanno servito e continuano a servire durante i periodi di guerra, di conflitto e di pace.

Quest’anno, gli eventi cerimoniali tradizionali che segnano il Remembrance Day assumeranno una forma diversa. Le città, come Toronto, in tutto il paese, chiedono al pubblico di rendere omaggio virtualmente invece che in persona, alla luce delle restrizioni per via della pandemia Covid-19.

Ormai, queste assemblee “virtuali” sembrano normale in un ambiente in cui la salute e la sicurezza dei cittadini sono le considerazioni in primis nella mente.

Tradizionalmente, il giorno è uno per onorare e rendere omaggio agli oltre 2,3 milioni di canadesi che hanno servito, nel corso della storia della Nazione, e agli oltre 118.000 che hanno fatto il massimo sacrificio. Inoltre, onorare tutti i soldati che hanno combattuto e sono morti per la libertà di cui tutti godiamo si estende ben oltre i nostri confini.

Anche i servizi commemorativi di quest’anno segnano una lapida miliare significativa, il 75° anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale. Onoriamo, riconosciamo e ricordiamo tutti i veterani che hanno servito e tutti quei soldati che sono sepolti nell’ultimo luogo di riposo, nei cimiteri di tutta Europa.

Ad esempio, il Cimitero di Guerra a Monte Cassino (nella foto sopra) è uno dei più grandi cimiteri della Seconda Guerra Mondiale in Italia. Il cimitero si trova in provincia di Frosinone, circa 120 km a sud-est di Roma. È l’ultimo posto di riposo di oltre 800 soldati canadesi e ospita le tombe di 1.072 polacchi morti durante la battaglia di Montecassino (maggio 1944), una delle battaglie più cruente d’Europa. La città di Cassino e la sua collina (Monte Cassino) era l’ultima roccaforte tedesca rimasta lungo la linea Gustav.

La battaglia (nelle foto, due immagini), tra gennaio e maggio 1944, vide quattro assalti delle forze alleate contro i nazisti durante la campagna italiana. Il 17 maggio, i soldati del II Corpo polacco, sotto il comando del tenente generale Władysław Anders, lanciarono uno degli ultimi assalti contro i difensori tedeschi che furono infine scacciati dalle rovine di Monte Cassino. La storica abbazia collinare fu distrutta dai bombardamenti alleati.

Il monastero ricostruito, in cima al Monte Cassino, si affaccia sul cimitero progettato a forma di anfiteatro, come se fosse testimone dell’atto finale.

Normalmente, è consuetudine visitare memoriali di guerra e cimiteri per onorare e rendere omaggio ai veterani caduti. Tuttavia, quest’anno, con restrizioni di viaggio e limitazioni alle riunioni pubbliche, coloro che desiderano rendere omaggio sono incoraggiati a farlo da remoto.

Qui in Canada, indossare un papavero è un simbolo di rispetto per onorare i veterani caduti. È solo un modo per rendere omaggio agli ultimi sacrifici che i soldati hanno fatto per la nostra libertà.