CorrCan Media Group

“Sono dispiaciuto al pensiero che il Columbus Centre sarà demolito”

“Sono dispiaciuto al pensiero che il Columbus Centre sarà demolito”

Egregio On. Volpe,
 
Mi chiamo Giancarlo Amadei. Circa 35 anni fa creai,  con un gruppo dii italocanadesi residenti a Brampton, il Circolo Culturale Italiano di Brampton. 
È con rammarico che ho letto sul Corriere Canadese la notizia riguardante il Columbus Centre (“Quando il denaro….” del 13 ottobre).
Sono ovviamente dispiaciuto al solo pensiero che questo importante punto di riferimento verrà demolito nel prossimo futuro. 
Spesso e volentieri mi sono servito di svariati servizi offerti dal Centro stesso ed è un peccato che questo sparisca a discapito della nostra comunità, in particolare coloro che amano il Paese natio come il sottoscritto.
In un articolo sullo stesso argomento di lunedì 23 ottobre ho notato con piacere che il malcontento si sta facendo sentire e spero tanto sia un segno di buon auspicio.
Concludo questa mia ringraziandola per il suo interessamento e, se ritenesse che un nostro intervento possa avere esiti positivi, spero di poterla aiutare.
Cordiali saluti,
 
Giancarlo Amadei
Presidente onorario 
del Circolo Culturale 

Italiano di Brampton


ENGLISH VERSION:
“I am distraught by the thought tha Columbus Centre could be demolished”

 

Dear Hon. Volpe

My name is Giancarlo Amadei.  About 35 years ago, together with a group of Italo Canadians resident in Brampton, I founded the Italian Cultural Centre of Brampton.

 
It is with a heavy heart that I learned, from the Corriere Canadese (“quando il denaro…” Oct. 13), the sad news regarding the Columbus Centre. I am obviously distraught by the mere thought that this crucial point of reference could be demolished in the near future. I have made frequent and delightful use of the various facilities and programs offered by the Centre, and it would be a real sin if tit would be permitted to disappear, to the great disadvantage of our community; particularly for those who like the undersigned nurture a special love for our country of origin.
I noted with some pleasure in another article on the same topic (Monday, Oct. 23) that there is growing discontent and opposition being expressed with some resonance and I hope fervently that this augurs well.
I conclude by thanking you for your interest and, if you think our intervention might bear fruit, please engage us.
Best regards, 
Giancarlo Amadei
 

More in Italia