CorrCan Media Group

Maria Rizzo punta il dito contro Mike Colle

Maria Rizzo punta il dito contro Mike Colle

La Lettera di Maria Rizzo a l'mpp Mike Colle
 
 
Caro signor Colle,
Visto che si rifiuta di parlare con me, sono costretta a comunicare con lei in questo modo.
Non ho intenzione di mancarle di rispetto, per cui spero capisca la mia frustrazione per il suo silenzio verso chi non condivide i suoi stessi punti di vista. Invece di dimostrarsi un leader lei sta agendo come un bambino petulante. Preso dal fervore per la rielezione ha dimenticato cosa significhi essere alla guida.
Durante il mio tempo come rappresentante eletta, ho sempre collaborato bene con i rappresentanti eletti, di ogni lista, a prescindere dalle nostre differenze.
La gente vota per i suoi rappresentanti eletti e paga per la loro leadership.
Con tutto rispetto, chiedo che lei cominci ad usare l’ispirazione piuttosto che la manipolazione, per porre fine al divario nella nostra comunità, se le preoccupa così tanto la svolta brutta e allarmante alla quale abbiamo assistito nell’area di Dufferin e Lawrence che noi rappresentiamo. L’istigazione alla paura mostra solo il disprezzo verso una politica di rispetto reciproco.
Assumendo che lei voglia veramente salvare “il cuore e l’anima” del Columbus Centre, allora il suo governo (o le controparti federali) deve dichiarare il suolo dove il Columbus Centre è situato “suolo di interesse” provinciale e del nostro paese. Perciò credo e confido sulle sue capacità e influenze a tale scopo, per il bene delle nostre radici culturali. Questo rappresenterebbe un’eredità molto più ricca da lasciare ai suoi nipoti e alle generazioni future degli italo canadesi.
TERRENO PUBBLICO, NELLE MANI DEL PUBBLICO
Migliaia di persone visitano ogni anno il Columbus Centre. Molti usufruiscono dei programmi e dei servizi in modo regolare. Un numero infinito di persone ha espresso il proprio compiacimento appassionato che dimostra chiaramente sentimenti di appartenenza al Columbus Centre.
La nostra storia è ricca di innumerevoli ricette, abitudini, costumi, mode, design, musiche, canzoni e cerimonie, che sono per essa fondamentali. Rappresentano l’espressione distinta di un patrimonio culturale da proteggere. Il Columbus Centre è la nostra eredità condivisa, manteniamola così. Abbiamo bisogno del suo capitale politico per lottare a favore del terreno pubblico nelle mani del pubblico.
La lascio con un invito aperto a discutere di ciò e di ogni altra idea che possiamo avere in comune, per raggiungere ciò che è meglio per la gente e gli studenti che rappresentiamo. Questo non è il tempo di impegnarsi in politiche meschine. 
La invito a sotterrare l’ascia di guerra ora e per sempre, per il bene della comunità e nello spirito natalizio di questo periodo dell’anno.
 
Maria Rizzo
 
 

More in Italia