CorrCan Media Group

“La proprietà in questione non appartiene al governo italiano nè alla CIBPA”

“La proprietà in questione non appartiene al governo italiano nè alla CIBPA”

Foto: Rocco Galati, B.A., L.L.B., L.L.M.

 
Questa mia lettera fa seguito al suo “Comunicato stampa” datato 8 febbraio, 2018, una copia del quale è allegata.
Nel comunicato stampa, si dichiara che “tutte le richieste relative alla proprietà devono essere indirizzate a Brokerage Limited di CBRE, in qualità di  consulente  per il proprietario”.
Si prega di indicare chi ritenete essere il “proprietario” e su quali basi? La proprietà in questione non appartiene al Governo Italiano, né alla CIBPA. Il suo possesso è vincolato nel sequestro illegale e incostituzionale di tale proprietà, nel contesto dell’internamento illegale e incostituzionale dei cittadini canadesi di heritage italo-canadese, durante la seconda guerra mondiale. Prima del suo sequestro, la proprietà fu acquisita, con fondi da e per conto della comunità italo-canadese.
Inoltre, la proprietà è stata designata, nella provincia, “testimonianza del patrimonio storico e culturale”, durante il governo Davis. 
Questa lettera vuole essere di avviso a tutte le parti, che a corto di una determinazione giudiziaria del possesso della proprietà, in base a quali parametri è possibile sviluppare e/o demolire la proprietà, in tutto o in parte, azioni legali saranno avviate contro tutte le parti, compreso il personale del Consolato e i loro rappresentanti, che, senza la proprietà o l’autorità legale, procedano con qualsiasi sviluppo.
Cordialmente,
 
Rocco Galati
B.A., L.L.B., L.L.M.
 
More in Italia