Tornano ruggini del passato

di Francesco Veronesi del January 30, 2017
TORONTO - Nel braccio di ferro tra John Tory e Kathleen Wynne tornano a galla antiche ruggini e incomprensioni del passato. Dobbiamo fare un passo indietro e andare alle elezioni provinciali del 2007. Tory all’epoca era il leader del Progressive Conservative in corsa contro il Partito Liberale guidato dal premier uscente Dalton McGuinty. Per tutta la campagna elettorale i conservatori apparivano in netto vantaggio nei sondaggi, fino alla proposta - improvvida - da parte di Tory di aprire i finanziamenti pubblici alle scuole religiose. E per ribadire l’importanza della proposta, Tory decise di candidarsi nel distretto di Don Valley West, sfidando proprio la Wynne, all’epoca ministro dell’Istruzione. Per Tory fu una disfatta: venne sconfitto, i liberali vinsero le elezioni, e fu costretto a rimanere leader del partito senza un seggio in parlamento, fino alla batosta del 5 marzo 2009, quando perse le elezioni suppletive ad Haliburton-Kawartha Lakes-Brock e lasciò la guida del partito. A dieci anni di distanza, è ancora la Wynne a mandare all’aria i progetti politici di Tory: evidentemente dieci anni non sono stati sufficienti per mettere da parte le ruggini del passato.

Potrebbero interessarti...

TORONTO - In democrazia otteniamo la rappresentanza che ci meritiamo. Questa sera il Toronto Catholic District School Board (TCDSB) sceglerà una nuova presidenza.
Per chi non avesse seguito le vicende del partenariato in una join-venture tra il TCDSB e la Villa Charities Inc. (VCI), queste riflessioni potrebbero costituire una lezione illustrativa sui concetti di responsabilità, trasparenza e quindi definire una dichiarazione di intenti (scopi e obiettivi).
Lo scopo di Villa Charities -inizialmente conosciuta come Italian Canadian Benevolent Corporation, un’organizzazione comunitaria senza scopo di lucro- era quello di provvedere servizi culturali e sociali, su richiesta degli italo canadesi residenti nella GTA, e quello di promuovere e agire per i loro interessi nel più ampio contesto canadese. 
Non è ancora chiaro come Villa Charities e il suo “braccio di espansione” la VCI, si siano trasformate in una società privata con il proposito principale di costruire palazzi condominiali per anziani. 
Ed è anche opinabile come le entrate, provenienti da beni dei quali si sono appropriati e che intendono “migliorare”, saranno distribuite in base alla dichiarazione di intenti stabilita alla fondazione dell’ente. Il valore netto dei suoi beni immobili è tutt’altro che insignificante. 
Nel 2015 l’ammontare notificato era di 57 milioni e 672,463 dollari. Per lo stesso anno sono stati dichiarat entrate pari a 8 milioni e 880,347 dollari, dei quali 1,595,422 pervenuti da un’altra “organizzazione di beneficenza registrata” (forse Villa Charities Foundation?) 2 milioni e 20,708 dollari sono stati spesi in stipendi e compensi.

Comments are closed.

Il quotidiano italiano in Canada
© Copyright M.T.E.C. Consultants LTD.
3800 Steels Ave. W., Suite 300, Vaughan ON, Canada
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.