CorrCan Media Group

Cinque punti vaghi: le nozze M5S-Pd sempre più probabili

Cinque punti vaghi: le nozze M5S-Pd sempre più probabili

ROMA – Il matrimonio si farà, a quanto pare. I cinque punti presentati ieri da Nicola Zingaretti come conditio sine qua non della possibile partecipazione del Pd a un governo insieme ai Cinque stelle gettano le basi per un accordo che in tempi brevi potrebbe portare alla nascita dell’esecutivo giallorosso.

Il principale indizio sulla piega che ha preso questa crisi di governo estiva arriva proprio dall’attenta lettura delle cinque condizioni poste dal segretario dem all’interlocutore Luigi Di Maio: si tratta di cinque punti estremamente vaghi, di principio, che non includono nessuna ricetta politico-economica specifica sulla quale potrebbe arenarsi la trattativa tra le due parti.

“L’appartenenza leale all’Unione europea il Movimento l’ha già dimostrata votando – insieme al Pd, peraltro – a favore della nuova presidente della Commissione Ursula von der Leyen

.Il “pieno riconoscimento della democrazia rappresentativa, a partire dalla centralità del parlamento è una formula di principio che non può non essere accettata.

Lo “sviluppo basato sulla sostenibilità ambientale sfonda una porta aperta con i grillini, da sempre molto sensibili ai temi verdi e che anzi, nei 14 mesi di governo con Matteo Salvini, hanno più volte dovuto accettare politiche non in linea con l’identità del movimento.

Stesso discorso con il “cambio nella gestione di flussi migratori, con pieno protagonismo dell’Europa : anche in questo caso le contraddizioni del governo gialloverde sono esplose a più riprese, alimentate dall’intransigenza del leader leghista con la sua politica dei porti chiusi.

Infine, anche la richiesta “svolta delle ricette economiche e sociali, in chiave redistributiva, che apra una stagione di investimenti è talmente vaga che ci si può mettere dentro tutto e il contrario di tutto.

Insomma, le premesse per un futuro esecutivo M5S-Pd ci sono tutte. Ora resta da capire se esista davvero la volontà politica di celebrare le nozze tra due forze che negli ultimi anni hanno dialogato tra loro solamente attraverso insulti, accuse e veleni.

More in Il Fondo
Indovinelli
Nov Wed ,2016