CorrCan Media Group

Ontario, continua la saga sui Beer Store

Ontario, continua la saga sui Beer Store

di Antonio Locantore

TORONTO – Quando Doug Ford attraversò le porte di Queen’s Park da Premier, seguì una tempesta di ideologie conservatrici. Tra questi c’era il tanto atteso cambiamento nella gestione draconiana delle vendite di alcolici in Ontario.

La vendita di birra, vino ed altri alcolici è stata una spina per tutti partiti che hanno governato l’Ontario, ma nell’ultimo decennio quella spina sta scavando più a fondo e sta causando più dolore. E con buona ragione.

Non c’è assolutamente alcun motivo per cui la vendita di alcol dovrebbe essere limitata in questo modo nella nostra società di libero mercato.

Questa settimana Doug Ford ha annunciato che il suo governo andrà avanti con il suo progetto che vuole permettere la vendita di birre nei negozi d’angolo.

Gli avversari hanno rapidamente precisato che ciò comporterebbe centinaia di milioni di dollari di multe che i contribuenti dovrebbero pagare. Multe? Per cosa?

Nel 2015 il governo Liberale di Wynn ha firmato un contratto di 10 anni con “The Beer Store”, prolungando così il loro monopolio virtuale sulle vendite di alcolici in Ontario.

Come qualsiasi altro contratto, rompendolo si otterrebbero multe; in questo caso per la somma di centinaia di milioni di dollari. E questo è solo per i restanti 5 anni del contratto.

Le persone sono furiose per le multe aberranti; e per rendere questo il motivo per non procedere con la privatizzazione delle vendite degli alcolici.

Ma perché stiamo ancora firmando questi accordi ridicoli in primo luogo? “The Beer Store”, o “Brewers’ Retail” come era noto fino “The Beer Store”, o “Brewers’ Retail” come era noto fino a pochi anni fa, è un conglomerato di tre aziende private. Queste aziende hanno raccolto i frutti di essere gli unici venditori autorizzati di alcolici in Ontario per 92 anni.

Facciamo i conti; se le pene per soli 5 anni equivalgono a centinaia di milioni di dollari, quali erano le loro entrate per i precedenti 92 anni? Come se aggiungendo “insulti alla stupidità”, tutti e 3 i proprietary Di “The Beer Store” Cioe’: Il Cardinale Thomas Collins ha concelebrato una messa con padre Raffaele Paonessa a Villa Colombo Molson – Coors, Labatt’s – Anheuser Busch e Sleeman’s – Sapporo sono tutti di proprietà straniera.

Quindi, i soldi del mercato della birra più redditizio del Nord America non rimangono nemmeno in Ontario, vanno negli Stati Uniti, in Belgio e in Giappone! E sono protetti ancora fino 2025 dalla legislatura dell’Ontario. WTF?? Tali contratti non dovrebbero essere consentiti, e soprattutto per così tanto tempo.

Un altro recente regalo dal governo dell’Ontario riguardava le compagnie di assicurazione, tra tutte le persone. Il piano OHIP Plus; qui la Provincia ha pagato i farmaci per i bambini fino a 25 anni, indipendentemente dal fatto che avessero o meno un’assicurazione privata.

È stato stimato che questo è costato al governo $ 900 milioni. Poiché circa la metà delle famiglie dell’Ontario hanno un’assicurazione, ciò significa che le compagnie di assicurazione hanno risparmiato circa $ 450 milioni di dollari all’anno. Grazie mille per il regalo inaspettato.

Le centrali a gas, le cosiddette “Gas Plants”, costano ai contribuenti circa 2 miliardi di dollari. E cosa hanno ottenuto i contribuenti per questo, Zero !!! Il “The Beer Store” se ne deve andare, anche se a nostro avviso ci costa a breve termine. Negozi LCBO: Mettetevi in fila.