CorrCan Media Group

Ondata di violenza: negli ultimi giorni due morti e tre feriti

Ondata di violenza: negli ultimi giorni due morti e tre feriti

TORONTO – Due morti, tre feriti, uno in condizioni critiche. È questo il drammatico bilancio dell’ondata di violenza che ha travolto Toronto negli ultimi giorni, un bollettino diramato dalla polizia che conferma ancora una volta come esistano delle laceranti lacune sul fronte della sicurezza in città. Gli inquirenti che stanno indagando su due sparatorie che hanno portato alla morte del 22enne Jovane Clarke e del 34enne Awad Hurre stanno cercando di capire se vi possa essere un collegamento tra i due fatti di sangue. Secondo la polizia vi sono delle similitudini nei due agguati che potrebbero dare peso a questa ipotesi investigativa. 
Il primo delitto si è consumato alle 5 di giovedì pomeriggio al Sheridan Mall. Clarke è stato aggredito da quattro persone, che hanno esploso numerosi proiettili verso di lui. 
Il giovane ha provato a scappare ma è stato raggiunto da alcuni colpi di arma da fuoco. Anche nell’agguato di sabato, avvenuto intorno alle 8.45 di sera nell’area di Arcot Boulevard e Tandridge Crescent, non lontano da Albion Road e Elmhurst Drive, alcuni testimoni hanno riferito della presenza di quattro sicari. I test della squadra scientifica della polizia di Toronto hanno poi confermato come nell’agguato dove ha perso la vita Hurre siano state utilizzate tre diverse armi da fuoco, vista la presenza di tre diversi tipi di bossoli dei proiettili rinvenuti nell’area teatro del tragico fatto di sangue.
In queste ultime ore gli inquirenti stanno cercando di ricostruire le singole fasi dei due agguati,  per capire se in effetti la tesi di una correlazione tra i due agguati possa essere corretta o meno. Ma l’ondata di violenza che ha travolto Toronto non si è fermata qui. Intorno alle 2.30 di domenica mattina due uomini sono stati accoltellati davanti a un bar non lontano da Little Italy. Il duplice accoltellamento, vicino a Bathurst e College, sarebbe avvenuto durante una rissa tra due uomini: nell’incidente è rimasto ferito anche il buttafuori di un locale vicino intervenuto per sedare la rissa. Entrambi i feriti non si trovano in pericolo di vita.
La lingua scia di sangue in città è poi continuata con un’altra sparatoria. Secondo al ricostruzione fornita dagli inquirenti un uomo è stato raggiunto da alcuni colpi di arma da fuoco esplosi intorno all’1.30 di lunedì mattina a Regent Park, vicino a Sumach and Gerrard Street.
In questo caso la polizia è intervenuta dopo aver ricevuto segnalazioni da parte di alcuni residenti dell’area, allarmati per aver sentito i colpi d’arma da fuoco. Un uomo di circa 30 anni è stato ricoverato in ospedale in gravissime condizioni.