L'Italia vicina al milione e mezzo di contagi

di Giorgio Mitolo del November 26, 2020

ROMA - In Italia, dall’inizio dell’epidemia di coronavirus, almeno 1.480.874 persone hanno contratto il virus Sars-CoV-2. I nuovi casi, nelle trascorse 24 ore, sono stati 25.853, mentre i decessi sono risultati 722, per un totale di 52.028 vittime. Le persone guarite o dimesse complessivamente sono 637.149, con le 31.819 uscite ieri dall’incubo Covid.
Gli attuali positivi risultano essere 791.697 in totale, 6.689 in meno di martedi. Il decremento degli attuali positivi è dovuto al fatto che i guariti sono in numero maggiore rispetto ai nuovi casi. I tamponi effettuati ieri sono stati 230.007, ovvero 41.348 in più rispetto a martedi, mentre il tasso di positività era ieri al 11,2%. Si sono dunque registrati più contagi, nelle trascorse 24 ore - sopra quota 20 mila per il quarto giorno consecutivo - a fronte di molti più tamponi effettuati. C'è comunque una tendenza al rallentamento, considerato che scende ancora il rapporto di casi su tamponi che passa dal 12,3% all'11,2%, con l’indice Rt in calo.
Secondo il report settimanale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, questa settimana l'Italia ha riportato il maggior numero di nuovi casi in Europa ed è terza a livello globale, con 235.979 nuovi casi, pari a 3.902 casi per 1 milione di abitanti. L'Oms ha però precisato che i casi nel nostro Paese potrebbero aver raggiunto il picco, visto il leggero calo segnalato, pari al 3%. Soltanto con il valore di Rt sotto l’1 e non più di cinque-diecimila positivi giornalieri si tiene sotto controllo l’epidemia.
Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha comunque invitato alla prudenza: «Le limitazioni sono ancora inevitabili, non possiamo permetterci un’altra ondata nel 2021».
I pazienti ricoverati con sintomi erano ieri 34.313, ossia 264 in meno rispetto alla giornata di martedi. I malati di Covid più gravi, tuttora ricoverati in terapia intensiva, erano ieri 3.848, ossia 32 in più della giornata precedente. Drammatico infine il bilancio delle vittime - che sono meno di martedi - ma da giorni i numeri sono paragonabili a quelli di fine marzo, quello che si rivelò come il periodo più critico della prima ondata in Italia.
Nessuna regione ha registrato ieri zero decessi. per il secondo giorno consecutivo, mentre il maggior numero di vittime si sono riscontrate in Lombardia con 155, seguita dal Piemonte con 84, e dal Veneto con 76.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.