Verso il voto, la campagna elettorale non decolla

di Francesco Veronesi del August 6, 2019

TORONTO - Occupazione, crescita, ambiente, immigrazione, rapporti con gli Stati Uniti, commercio estero, sicurezza. Sono questi i grandi temi che dovrebbero caratterizzare la campagna elettorale in vista del voto del 21 ottobre.

Ma fino a questo momento, con i lavori del parlamento ufficialmente terminati e i deputati uscenti impegnati sul territorio, nel dibattito politico quotidiano mancano all’appello proprio queste tematiche, mentre lo scontro verte su questioni marginali, polemiche frivole e prive di sostanza, dove i grandi problemi del Paese vengono puntualmente evitati dai principali partiti.

Ecco allora che liberali e conservatori polemizzano per più di una settimana sulla food guide canadese e su quella che dovrebbe essere la corretta alimentazione. Polemica questa seguita dalla prevedibile cascata di spot negativi in cui si attacca l’avversario con slogan banali e frasi fatte: anche questo è un indice significativo di cosa pensa la nostra classe politica del suo elettorato.

Ultima in ordine di tempo è stata la polemica per la mancata partecipazione di Andrew Scheer alla Pride Parade di Vancouver, con il primo ministro Justin Trudeau pronto a stigmatizzare il comportamento del leader conservatore.

“È importante essere qui oggi - ha sottolineato il leader del Partito Liberale - per mostrare che noi stiamo inequivocabilmente dalla parte dei diritti umani e in difesa dei canadesi”, ringraziando Jagmeet Sing - leader dell’Ndp - ed Elizabeth May (Verdi) per la loro presenza. “È un vero peccato che vi siano alcuni leader di partito che vogliono essere primo ministro e che decidono di stare dalla parte di persone intolleranti invece di difendere la comunità LGBT”.

Benissimo, tutto vero. Però, a nostro avviso, i destini di un Paese non si decidono dalla partecipazione o dal boicottaggio del Pride Parade.

In questo momento sono altre le questioni fondamentali che interessano ai canadesi, temi e problematiche che hanno un impatto sulla nostra vita quotidiana.

Ed è per questo, quindi, che ci auguriamo che con l’avvicinarsi dell’appuntamento alle urne anche il dibattito politico faccia un salto di qualità.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.