Tempesta in un bicchiere d’acqua
o relazioni globali tese?   

di Joe Volpe del March 9, 2021

TORONTO - Integrare persone di diversa provenienza non è né facile né realizzabile rapidamente. Il Corriere Canadese e la diaspora italiana non sono estranei al processo. È al minimo generazionale.

Forse questo spiega perché il Corriere ha ricevuto una copia di una lettera presumibilmente emessa dall’Alta Commissione dell’India (Ambasciata) a Ottawa a Global Affairs Canada, indirizzata al direttore generale per l’Asia meridionale, David Hartman.

La lettera datata 2 marzo 2021, e referenziata di seguito, attira l’attenzione su un’escalation della spaccatura tra indù e altri non meglio precisati cittadini di provenienza indiana a Brampton, Ontario.

La preoccupazione degli indù di essere presi di mira per la violenza di provocatori responsabili aiutati in parte delle forze dell’ordine locali è una preoccupazione.

La lettera sostiene che un comizio altrimenti pacifico il 28 febbraio è stato interrotto da aggressioni documentate da almeno due post sui social media con prove video corroboranti.

Invita "le autorità canadesi interessate a indagare immediatamente... e sollecita vivamente il governo del Canada ad adottare tutte le misure possibili per garantire la continuità della sicurezza dei cittadini indiani... a vivere in Canada.

Prima del censimento del 2016, il numero stimato di tale nazionalità contava circa un milione di persone più o meno equamente divise tra indù e sikh e un terzo gruppo di tamil e singalesi che a loro volta costituiscono una presenza significativa nelle GTA.

Il numero è ora notevolmente più elevato, dato l’afflusso di immigrati dall’India negli ultimi dieci anni.

Circa il 70% degli espatriati indù fanno della GTA la loro casa.

Avverte inoltre che tale violenza, "se lasciata incontrollata... [potrebbe] creare questioni di ordine pubblico, influenzando negativamente le relazioni calorose amichevoli tra India e Canada". Non si ferma qui.

L’Alta Commissione indiana indica "assalti, minacce e intimidazioni criminali" contro i suoi cittadini e sostiene la motivazione "da parte di forze che sono contrarie alle buone relazioni tra India e Canada".

Inoltre, chiede al governo del Canada di tenere l’Alta Commissione al vaglio delle "indagini e delle azioni intraprese per identificare e perseguire gli elementi estremisti responsabili..."

La Lettera appare autentica. Il Corriere ha contattato Global Affairs e l’ufficio del sindaco di Brampton per un commento. Al momento in cui andiamo in stampa, non abbiamo ricevuto risposta dall’ufficio del sindaco.

I residenti locali hanno inviato via e-mail le loro preoccupazioni con la crescente aggressività da parte dei simpatizzanti di un Khalistan indipendente. I disordini che ne sono stati generati hanno portato a accuse pubblicamente espresse di discriminazione religiosa da parte di alcuni deputati nell’ambito dei caucus dei membri eletti da Brampton.

Un portavoce di Global A.airs Canada, in una e-mail, ha dichiarato: "Global A.airs non commenta la corrispondenza stato-a-stato".

Ha aggiunto che "l’RCMP prende molto sul serio le minacce alla sicurezza delle persone che vivono in Canada e vuole rassicurare tutti i canadesi che il nostro obiettivo principale è la sicurezza e la protezione del pubblico in ogni momento. Anche se non possiamo commentare singoli casi, chiunque si senta minacciato online o di persona e dovrebbe segnalare questi incidenti alla propria polizia locale".

Con il contributo di Priscilla Pajdo, giornalista/ricercatrice presso CNMNG.ca

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.