Politica comunale: a che servono
i Commissari per l’Integrità?

di Joe Volpe del 22 August 2022

TORONTO - Brampton continua ad essere l'epicentro di disordini politici. Proprio quando si pensa che alcune questioni siano state messe a tacere, ne emerge una correlata. Alla vigilia della definitiva registrazione per la candidatura alle elezioni del 2022, la questione dell'“eleggibilità” alla carica è nuovamente emersa con forza.

Ancora una volta, due “figure” sono al centro della questione: (1) il sindaco, (2) un “commissario per l'integrità”. Per essere più precisi, sono loro il problema. In primo luogo, la sfortunata corsa del sindaco Patrick Brown alla guida del Partito Conservatore del Canada (CPC) ha spinto le indagini del Partito sul funzionamento interno della sua campagna. Tali risultati hanno portato alla sua squalifica - una decisione che Brown sta impugnando legalmente.

Il consiglio comunale, nel bene e nel male, ha condotto una "rivolta di palazzo" dopo che un "informatore occulto", poi rivelatosi Nikki Kaur, un ex membro della burocrazia cittadina (e candidata per il CPC nelle elezioni federali del 2021), ha evidentemente fornito ad un mezzo di comunicazione alcune "prove incriminanti" di uso improprio / abuso d'ufficio. In definitiva, ciò ha portato alla decisione del CPC. Il Consiglio ha poi licenziato il Commissario per l'Integrità uscente. A quanto pare, sarebbe stata troppo vicina al sindaco per essere obiettiva nelle sue decisioni che lo riguardavano.

In secondo luogo, Brown ha favorito l'assunzione di un nuovo Commissario per l'Integrità. L'ex consigliere Elaine Moore ha presentato una denuncia in merito all'idoneità del sindaco Brown. Il 18 agosto, il nuovo Commissario per l'Integrità (Principles Integrity - PI) ha emesso una disposizione in cui, in una lettera inviata ai media, Brown ha affermato "Sono riabilitato ora che il Commissario per l'Integrità ha stabilito che non ho fatto nulla di male".

Sfortunatamente per lui, PI era recentemente reduce da un'esperienza disastrosa al consiglio scolastico cattolico di Toronto, dove i trustee hanno messo in dubbio i suoi metodi e la sua stessa legittimità. Inoltre, a piena divulgazione, come nell'"indagine" di Brampton, PI sembrava concentrarsi sulla sua infondata capacità di criticare la stampa e i media (Corriere Canadese e Rebel Media senza coinvolgerli nel processo) piuttosto che "scoprire" i fatti.

Non sorprende che PI abbia ritenuto che ciò che potrebbe essere stato una prova sufficiente per il CPC fosse insufficiente per lui / loro; [...] "Di conseguenza, abbiamo ritenuto che non vi fossero motivi ragionevoli per ritenere che si fosse verificata una violazione di 'un'altra legge' (legge sulle elezioni canadesi). Né abbiamo ottenuto prove […] Allo stesso modo non abbiamo trovato prove che indichino che il Sindaco abbia obbligato un qualsiasi dipendente a lavorare alla campagna di leadership. La prova da noi ottenibile è che nel 2019 il personale è stato messo a conoscenza dell'obbligo di lavorare alle campagne solo durante il tempo personale (non retribuito)." (grassetto aggiunto)

Ma siamo nel 2022 e il personale non è quello oggetto di indagine. Nikki Kaur, l’informatore, è ora candidata alla carica di sindaco.

Un altro candidato, l'ex deputato Ramesh Sangha, ha pubblicato la propria lettera respingendo di fatto la disposizione di PI e chiedendo che il segretario comunale si pronunci sulla questione. Trova inconcepibile che i facta alla base della squalifica di Brown dalla guida del CPC possano far passare l'odore di legittimità al Consiglio.

Il suo appello all'azione non usa mezzi termini: "|Sto facendo obiezioni contro la campagna per il sindaco di Patrick Brown e chiedo al City Clerk (segretario comunale) di intraprendere un'azione immediata per la violazione da parte di Patrick Brown delle regole, dei regolamenti e dello statuto delle elezioni del sindaco".

Aggiunge: “Il sig. Brown ha utilizzato in modo non etico la stessa infrastruttura della campagna conservatrice federale ed è entrato nella corsa per la campagna per il sindaco. Ora procederà a un uso improprio illegale delle risorse della campagna di leadership, che erano già state avviate dalla corsa alla leadership federale, verso l'elezione del sindaco".

"Ci sono numerosi illeciti e attività discutibili che accadono al municipio che rientra nella competenza del segretario comunale e della dirigenza senior, secondo la sezione 6 della politica delle risorse aziendali della città di Brampton (inclusa nel pacchetto del candidato), e dovrebbe prendere avviso di cui alla Sezione 7 e 7.1, Monitoraggio e conformità ai sensi della politica sull'uso delle risorse aziendali (26 gennaio 2022) in cui il segretario comunale avrà l'autorità di indagare e risolvere i reclami. Nessuna menzione del Commissario per l'Integrità.

"Considerando le gravi violazioni e contravvenzioni, il comportamento non etico, non democratico e incostituzionale, il signor Brown dovrebbe essere squalificato come candidato sindaco e non dovrebbe continuare a partecipare alla campagna per il sindaco". (grassetto aggiunto) Alla scadenza della registrazione, il Sig. Sangha ha ritirato la sua candidatura ma insiste che la sua lettera è ancora valida.

"L'intera indagine [di Principles Integrity] è stata uno spreco di denaro dei contribuenti", ha detto il sindaco Patrick Brown. Così sembrerebbe.

Traduzione in Italiano a cura di Marzio Pelù

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
75 DUFFLAW ROAD, 201-B, Toronto, ON, M6A 2W4
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.