Maggior potere
al sindaco Tory, solo fumo

di Joe Volpe del July 22, 2022

TORONTO - I problemi che affliggono le grandi città dell'Ontario come Toronto e Ottawa nascono dal fatto che i loro sindaci sono esempi di un "sistema di sindaco debole" nelle amministrazioni municipale. Chi lo avrebbe mai immaginato?

Il premier Doug Ford, egli stesso ex consigliere comunale di Toronto, fratello di un ex sindaco e zio di un altro ex consigliere comunale, a quanto pare l'ha fatto, e ha la soluzione pronta. Avrà supporto per la sua proposta. Gli investitori, esteri e locali, costruttori e sviluppatori inclusi, denigrano il ritmo pesante e faticoso del processo di approvazione che ritarda le decisioni e impedisce che il "prodotto" arrivi sul mercato in modo tempestivo e conveniente.

Ma non ci sono problemi scottanti nelle imminenti elezioni municipali di Toronto. John Tory ha orchestrato le "luci della ribalta" a tal punto che nessuno con un nome ampiamente riconosciuto è pronto a sfidarlo. Ancora meglio, per lui, “il sistema del sindaco debole” permette a lui e ad altri seguaci del suo credo di rinviare tutto a una “decisione collettiva”. Tali decisioni sono guidate dagli interessi locali individuati e promossi dai Consiglieri locali. Molto raramente hanno in mente una visione inclusiva di Toronto.

Presumibilmente, un sindaco forte, agendo nello stile di una controparte americana, sarebbe in grado di pianificare e mettere in pratica "visioni grandiose" (curare la manutenzione delle nostre strade, le fogne, la qualità e l'affidabilità del trasporto pubblico, la responsabilità della polizia, dei vigili del fuoco e primi soccorritori, ecc.) e hanno il potere di realizzarli codi aiuto del Consiglio.

Questa è la teoria. La pratica potrebbe essere un po' meno convincente; l'obiettivo è che, come minimo, la “colpa” possa presumibilmente ricadere direttamente sulle spalle del sindaco e non del Consiglio. E certo non sulla provincia. Nel caso di Ottawa, se un altro gruppo di manifestanti dovesse invadere la Capitale, il sindaco non sarebbe in grado di incolpare i federali per violazioni del codice stradale.
Parlando del governo federale, la scorsa settimana i Premier hanno trascorso diversi giorni a scaricare il triste stato del sistema sanitario sulla carenza di fondi creata dal governo federale. Vediamo... gli altri grossi problemi sono legati all'istruzione. Sarebbero di competenza dei consigli scolastici i cui fiduciari, con la significativa eccezione di alcuni individui dediti, o operano in uno stato semi-sonnolento o pensano di essere impermeabili ad ogni controllo.

Sarà determinato in seguito se Ford abbia lanciato l'idea di un'alternativa da "sindaco forte" per Toronto perché ci crede o perché voleva mettere il pepe sulla coda di Tory. Per ora, la "questione della responsabilità" è stata posta direttamente su Tory. Chi è responsabile del "disordine che regna adesso a Toronto?"

Tutto ciò che John Tory ha da offrire è l'assenza di qualsiasi opposizione decisa. Forse qualcuno dirà ora che i pensieri del Premier Ford hanno l'effetto di suggerire che Tory potrebbe non essere all'altezza della sfida.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.