“La strada per l’Inferno
è lastricata di buone intenzioni”   

di Joe Volpe del March 3, 2021

TORONTO - Nelle scuole che ho frequentato, questa massima è stata spesso ripetuta dagli insegnanti per portare a casa il punto che dovremmo pensare prima di agire, se non altro per limitare conseguenze impreviste. Nell’arena politica dove mi sono impegnato ad adempiere ai miei obblighi civici c’erano "campi minati a bizzeffe".

Che ci credi o no, le "sessioni di allenamento per i neofiti" a Ottawa sono relativamente nuove. Una consulenza legale era disponibile, ma con un solo giurista per circa 300 deputati. Nelle commissioni c’era sempre un consulente legale collegato - per il lavoro della commissione. Per qualsiasi altra cosa, i deputati si assumevano le proprie responsabilità, per così dire.

Basta esaminare alcuni eventi molto "locali" verificatosi nelle ultime due settimane per veder il costo enorme delle “lingue indisciplinate”. Si tratta di procedura e sostanza che coinvolgono i nostri investimenti più preziosi: i nostri figli e le scuole a cui a­- diamo le loro cure.

Il 25 febbraio, nel caso Theodore, la Corte Suprema del Canada (SOC) respinse un appello delle commissioni delle Scuole Pubbliche a revocare una decisione della Corte Provinciale che riconosceva gli accordi raggiunti dai genitori non cattolici con un Consiglio cattolico per educare i loro figli in un ambiente cattolico.

Il contenzioso era in corso da diciassette anni. I non cattolici preferivano mandare i loro figli in un ambiente cattolico piuttosto che sottometterli a un viaggio autostradale giornaliero di andata e ritorno di 80 km verso affi­nché frequentassero una scuola pubblica. Sembra che le libertà religiose e il buon senso coincidano occasionalmente. Per i genitori coinvolti, la sicurezza dei loro figli e i costi aggiuntivi in termini di tempo e denaro non erano un’alternativa preferita all’etica cattolica dei loro vicini. La decisione della SOC ha sostenuto tale opinione.

Costituzionalmente, la decisione riaffermava i diritti dei cattolici al proprio sistema di istruzione e l’accesso ai finanziamenti pubblici nel fornirlo. Allo stesso tempo, ha convalidato, ancora una volta, le libertà religiose dei genitori ai sensi della Costituzione. I finanziamenti pubblici seguono gli studenti che il governo è obbligato a educare.

Gli amministratori delle scuole pubbliche – che avevano sprecato centinaia di migliaia di dollari nel perseguire la questione, a spese pubbliche – hanno offerto che il diritto di esistere per le scuole cattoliche non era mai stato un problema. Il premier ha aggiunto, docilmente, che il governo ha sempre sostenuto le libertà religiose e i diritti dei genitori.

La decisione SOC ebbe l’effetto di affermare anche il primato del magistero, costituzionalmente, in un sistema educativo cattolico. Solo il magistero può determinare che cosa costituisce il "cattolicesimo". Per parafrasare quanto detto da Papa Francesco, per essere cattolici bisogna seguire le linee guida delineate nel Catechismo cattolico; si è liberi di seguire qualcos’altro, ma poi non si è cattolici.

Tale logica sembra essere alla base di una dettagliata domanda di revisione giudiziaria (JR) da parte del fiduciario Del Grande contro discutibili decisioni procedurali da parte del suo Consiglio - il TCDSB - con il risultato di ciò che un altro fiduciario ha definito conseguenze "abominevoli" visitate su di lui per aver sostenuto precetti cattolici alla Papa Francesco.

Uno dei principi fondamentali di quel cattolicesimo riguarda la sessualità umana e le pratiche sessuali. Gli oppositori della guida della Chiesa su tali questioni hanno preso ad accusare i sostenitori di quei principi come praticanti di omofobia sistemica e transfobia. Lo fanno pubblicamente a rischio di diffamazione. Ma così facendo vanno oltre le loro responsabilità riconosciute.

Come nel caso Theodore nel Saskatchewan, la provincia è implicata anche nel JR. I costi finora devono essere stravagantemente elevati e suscettibili di salire. Nel frattempo, i fiduciari del TCDSB che hanno spinto questa azione legale potrebbero trovarsi di fronte a conseguenze legali personali. Cercheranno di farsi coprire i loro costi dal consiglio scolastico. Sarebbe come aggiungere un insulto al danno.

Il TCDSB ha due avvocati fra i suoi dipendenti: ognuno ha guadagnato $176,000 l’anno scorso, secondo l’ultima Sunshine List. Inoltre, il Consiglio ha anche (1) lo studio legale BLG sul fermo per un importo illimitato, (2) un altro avvocato/Commissario per l’integrità per una somma non divulgata, (3) un consulente a tempo pieno per i diritti umani e la diversità – anche lei avvocato – come dipendente, (4) la capacità di spendere decine di migliaia per investigatori speciali per riferire su questioni specifiche, come nel Bird Report.

I bambini della scuola San Raffaele, e altre, dovranno aspettare ancora un bel po’ per quell’ambiente in cui l’aria sia pulita e respirabile.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.