La regola del mercato è chiara:
fai il tuo lavoro o vattene 

di Joe Volpe del February 8, 2021

TORONTO - C’è un limite alla pazienza della gente. I sondaggi d’opinione pubblica (l’ultimo di Abacus, 4 febbraio) suggeriscono che i pareri del pubblico stiano diventando sempre più diffidenti nei confronti della "leadership politica", indipendentemente dalla preferenza di parte. C’è sempre più preoccupazione per la salute pubblica (fisica e sociale), l’istruzione, l’economia e per un "ritorno alla normalità".

Presso l’Hamilton-Wentworth District School Board (HWDSB), un ex fiduciario studentesco chiede la rimozione di quattro fiduciari eletti a seguito di un rapporto che sembra sostenere le sue accuse di violazioni "razziste" da parte dei suoi ex colleghi trustee.

A Toronto, il Catholic District School Board (TCDSB), un’altra impresa educativa con “fatturato” di circa $1,3 miliardi all’anno e responsabile di 90.000 studenti assistiti da 10.000 persone circa, fra personale docente e di sostegno, ha un problema di identità e di "missione". Si è riunito giovedì sera per discutere... di bandiere, sesso e se i non cattolici debbano essere ammessi come fiduciari nel Consiglio.

La Legge dello Stato – lo Statuto, la Legge sull’Educazione e il Codice dei Diritti Umani – le impone di consegnare un curriculum ai cattolici, secondo i precetti delineati e interpretati dal magistero, in questo caso il Cardinale.

Che piaccia o no, è la Legge. Ci sono altre disposizioni applicabili a chiunque non sia coperto dall’"etica cattolica".

E, no, l’educazione cattolica non è "finanziata con fondi pubblici", nel senso dell’uso attuale del termine. Riceve entrate derivanti dalle imposte riscosse dai sostenitori della scuola cattolica che si identificano come tali, volontariamente, nelle liste di valutazione. Ci possono essere eccezioni, ma queste confermano la regola e di conseguenza non possono avere alcuna influenza sull’obbligo costituzionalmente imposto di fornire un contesto cattolico per i programmi educativi. Ciò significa che le persone sanno cosa aspettarsi “prima di entrare" nel sistema e lo accettano.

Oggi, in un ambiente di "contro- cultura", alcuni fiduciari potrebbero non essere all’altezza del loro compito.

L’incontro di giovedì sembrava iniziare secondo i piani con una prima presentazione pateticamente imbarazzante da parte di un non residente riguardo a quale bandiera sventolare. È stato seguito da una serie di interventi per sprecare tempo. Davano l’impressione d’essere stati ridicolosamente orchestrati, in modo specifico, a sostegno di una mozione presentata da fiduciari che “puntano il dito” per minare la cultura cattolica dall’interno.

Joseph Markson, un genitore del liceo classico Padre John Redmond, nella sua presentazione e nella successiva fase con domande e risposte, ha osservato che "è irragionevole aspettarsi che un leader nell’educazione cattolica affermi, promuova e manifesti valori che non conosce, capisce, crede o può persino negare o rifiutare personalmente. ... [Essere un fiduciario] comporta la responsabilità di affermare e promuovere nell’educazione i valori cattolici guidati dalla fede". Che posizione rinfrescante. Qualcuno che si è preparato prima di fare un’osservazione o di esprimere un punto di vista sul mandato del provveditorato agli studi.

Ha poi continuato: "Come minimo, ci dovrebbe essere una prova di fede con i valori cattolici per i leader incaricati di promuovere i valori cattolici nell’educazione cattolica. Non tutti sono inclini o qualificati per farlo". Ma se non sono né inclini né qualificati, hanno il dovere fiduciario di informarsi. Non possono ignorare i loro obblighi nei confronti dei loro contribuenti. Le linee guida del magistero sono prontamente disponibili per chiunque sia “confuso” per tutto il tempo in cui l’identità di genere e le questioni di sventolamento della bandiera sono state all’esame del Consiglio.

Il Corriere Canadese ne ha copie (dall’Ufficio del Collegamento per l’Educazione Cattolica, Arcidiocesi di Toronto, aggiornato nel 2020), anche se ha criticato la riluttanza del Cardinale a mettere sui tacchi, per così dire, gli amministratori e il personale docente. Si intitola Dire la verità nell’amore, Linee guida pastorali per gli educatori riguardanti gli studenti che sperimentano l’incongruenza di genere.

Potrebbe essere stata una coincidenza - improbabile - ma il fiduciario Lubinski si è alzato su di un punto procedurale per introdurre l’atto. Non ha avuto successo. Peccato. È un documento ponderato e ragionato, parte integrante del Magistero Docente e dei suoi obblighi.

Metterebbe a tacere le voci le bugie che il TCDSB è un sistema omofobo e che i cattolici sono fobici su tutti i temi sessuali. Alcuni fiduciari appaiono più concentrati sull’ambizione politica, perpetuando quella menzogna e distruggendo il sistema cattolico dall’interno, piuttosto che nell’adempimento del loro mandato giurato. Il signor Markson può essere indicativo di un numero sempre crescente di genitori che preferirebbero dare il proverbiale calcio nel sedere agli amministratori offensivi e ai loro sostenitori tra il personale per non aver fatto il loro lavoro.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.