HCDSB, oppressione dei wokisti

di Joe Volpe del July 15, 2022

TORONTO -La regione di Halton comprende comunità consolidate e relativamente ricche come Oakville e Burlington mescolate con cittàdine suburbane della classe media economicamente confortevoli, più nuove, come Acton, Georgetown, Halton Hills e Milton.

Gli School Boards di Halton District offrono ai residenti una serie di scelte valide che i genitori possono prendere in considerazione per l'istruzione dei loro figli. Il Board of Education aconfessionale e "pubblico", HDSB, ha 68 scuole elementari e 16 secondarie. Le scuole tendono ad essere più nuove poiché sempre più immigrati scelgono di stabilirsi nell'area. I genitori hanno ampie scelte per i loro figli.

In confronto, il Board Cattolico (HCDSB), che esiste per i genitori che esercitano i loro diritti confessionali, costituzionalmente garantiti, per un'educazione cattolica per i loro figli, è un consiglio più piccolo con 45 scuole elementari e 9 scuole secondarie. Le sue scuole elementari sono andate relativamente bene a livello accademico fino a quando il Covid-19 non ha interrotto la routine di apprendimento. (vedi grafica)

Le classifiche del Fraser Institute per il 2018-2019 sono state incoraggianti. Ben 35 delle sue 45 (78%) scuole elementari hanno ottenuto risultati superiori alla mediana provinciale di 6,2 su 10 nei test standardizzati provinciali, gestiti dall'Education Quality Accountability Office (EQAO).

Nessuna delle scuole si è classificata nella gamma di insuccesso (rosso). Nessuna scuola ha ottenuto un punteggio inferiore a 6 su 10.

Sedici (16 scuole), il 36%, si sono classificate nello spettro di successo designato per coloro che ottengono 7,6 e oltre. Otto di queste scuole hanno ottenuto un punteggio di 8 o superiore con la più alta che ha ottenuto un 9,2, classificandosi al 46 ° posto nella provincia. È l'unica tra le prime 100 e una dei tre tra le prime 200.

Ventidue (22) scuole (49%) erano nella fascia di successo ma “non a tutto tondo” (colore giallo). Tre di loro erano al di sotto della mediana.

Sette (7) scuole (15%) si sono classificate nella zona arancione. Lì è più urgente l'attenzione alle strategie di apprendimento modificate.

È qui che i fiduciari e l'amministrazione hanno posto la loro attenzione? Non tutti loro. I wokisti del gruppo sembrano concentrati su questioni diverse dai loro obblighi professionali nei confronti dei genitori cattolici verso i quali sono responsabili.

Negli ultimi due anni il Corriere ha seguito le riunioni del Provveditorato, letto le relazioni del personale ai fiduciari scolastici ed esaminato le “relazioni” fornite da “investigatori” esterni incaricati dal Direttore della Pubblica Istruzione dietro lauti compensi. Inoltre, abbiamo seguito gli “esperti” che hanno invitato ad esporre sui temi sociali del giorno.

Non è stata un bel quadro. Dal nostro punto di vista, il Direttore ha compiuto sforzi eccessivi (con la connivenza degli ultimi due Presidenti) per dimostrare la “disfunzionalità” del Consiglio. I loro sforzi sono denigratori per quattro amministratori che sembrano difendere i diritti dei genitori e gli obblighi confessionali.

Il Direttore sta andando via verso i ‘pascoli più verdi’ della scuola del St. Michael's College di Toronto. Quella è la stessa scuola coinvolta nei problemi di violenza sessuale negli ultimi tre anni. L'ultimo ex presidente, e l'attuale sostituto (che nel migliore dei casi manifesta un "temperamento mordente"), stanno entrambi testando le acque per elezioni ai consigli comunali locali.

Si affidano a due apparentemente sedicenti guerrieri wokisti nel movimento della cultura dell'annullamento. Una di loro, Nancy Guzzo, sta affrontando dodici distinti capi di accusa per frode intentate dal suo ex datore di lavoro, LiUNA. L'altra, Brenda Agnew, sembra ossessionata dall'abbattere l'etica cattolica tradizionale, soprattutto per quanto riguarda la sessualizzazione - tra i bambini.

Creano confusione le loro presentazioni al Consiglio con medici "ciarlatani", "ricercatori" e documentazione parziale di scarsa rilevanza per l'esperienza di, e richiesta dai, genitori che scelgono di esercitare il diritto all'educazione cattolica per i propri figli.

Hanno insediato con successo un coordinatore per la manutenzione della Biblioteca che ha ammesso in una recente riunione del Consiglio che il dipartimento è in procinto di eliminare dalle biblioteche i libri che ritiene "offensivi". Nessun criterio, nessun titolo, a disposizione di nessuno.

Questo è il consiglio che ha generato Brendan Browne, attualmente ancora direttore dell'istruzione presso il Toronto Catholic District School Board.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.