Frode politica nelle scuole
e nella Chiesa

di Joe Volpe del May 12, 2021

TORONTO - Che strano. Grazie alle assurde, persino sciocche, riflessioni (ma sono fatte con passione!) dei fiduciari/trustee nei consigli scolastici cattolici, il vero dramma umano della vita si sta svolgendo all’interno della Chiesa cattolica. È roba da film. L’autorità morale e giuridica del premier prelato canadese, quello papabile o qualificato a votare per il prossimo, è pubblicamente messa in discussione.

Sto parlando dell’autorità che la nostra costituzione canadese, la Carta dei diritti e delle libertà del Canada, la legge sull’istruzione dell’Ontario, i memorandum d’intesa del procuratore generale dell’Ontario e, sì, persino il codice dei diritti umani (HRC) conferiscono a lui come portavoce di ciò che è cattolico. Forse lo stress è troppo per lui.

Diversi fiduciari del Catholic District School Board di Toronto (TCDSB) hanno deciso di "sollevarlo" dal suo fardello dei doveri che deve ai genitori cattolici nel sistema scolastico. Lo prendono in giro nel processo.

Dietro le quinte si nascondono il vescovo di Hamilton, Douglas Crosby, che si dice abbia gli occhi puntati sull’arcivescovado del cardinale, e il ministro dell’Istruzione Lecce.

Nessuno dei due si è reso disponibile per un commento quando contattati dal Corriere. Il ministro Lecce ha problemi sostanziali con competenza e con calcoli finanziari associati al finanziamento dei sistemi scolastici a livello provinciale. Ha bisogno di distrazioni. Alcuni fiduciari del TCDSB sono felici di coprirlo.

Il vescovo Douglas Crosby sta probabilmente guidando uno scisma all’interno della Chiesa in Ontario. Non la nostra competenza di commentare sui temi di legge canonica. L’istruzione e i diritti dei cattolici a un ambiente educativo religioso ed etico per i loro figli, secondo la legge, lo sono. Quegli stessi fiduciari sembrano felici di fornirgli copertura.

Il ministro Lecce, in violazione delle sue autorità ai sensi della legge sull’istruzione, ha fomentato discordie nel TCDSB. In primo luogo, ha insistito sulla sovrapposizione del Codice dei diritti umani (HRC) sull’etica cattolica nelle scuole cattoliche. La sezione 19 dell’HRC dice specificamente che nulla nel Codice può applicarsi alle scuole cattoliche. In secondo luogo, ha fatto sì che la questione della bandiera del Pride e le prevedibili conseguenti vituperazioni sull’omofobia e sulla transfobia fossero rivolte a tutte le cose e tutte le persone cattoliche.

Che ironia. Quei fiduciari - eletti per salvaguardare e promuovere quelle stesse libertà religiose - stanno usando, come armi, dichiarazioni appena (non poi così) velate, religiosamente discriminatorie contro i loro stessi colleghi ed elettori cattolici che aderiscono alla guida del Papa/magistero. Come è possibile che queste persone siano ancora in carica? Il nostro fumettista politico sta vivendo una giornata campale, "facendo satira" sulle loro pretese.

I cattolici chiedono apertamente al Cardinale di difendere i diritti dei credenti e dei loro figli, anche se le scuole sono chiuse grazie all’incapacità di quei fiduciari di fornire spazi sicuri dal punto di vista medico per i loro figli. E poi, quando i ragazzi smetteranno di frequentare le scuole cattoliche, come verrà propagato il messaggio cattolico?

Chi parla del suo valore? Gli elettori cattolici che chiamano e scrivono al Corriere Canadese non sono impressionati dal silenzio del Cardinale. Si chiedono se i sette trustee stabiliranno cosa sarà accettabile anche sull’altare.

Chiedono, se il Cardinale non può difendere i diritti all’istruzione secondo la legge costituzionale, come può difendere i dogmi secondo il diritto canonico?

Prossima puntata: chi sono questi agenti del cambiamento

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.