De Domenico infanga
l’educazione cattolica

di Joe Volpe del August 28, 2022

TORONTO - Non c'è individuo più vile, venale, spregevole di chi userà i bambini a proprio vantaggio. Alcuni individui del Toronto Catholic District School Board (TCDSB) stanno cercando disperatamente di dimostrare che possono scendere a quelle bassezze.

I loro fattori abilitanti, inconsapevoli questa volta, sono stati/sono il sindacato degli insegnanti, TECT, un vero e proprio "sacco da boxe". Nessun gioco di parole. Alla fine del 2019, il fiduciario Rizzo, si avvicinò minacciosamente all'allora presidente, M. Minnan-Wong, e minacciò di spaccarle la f****ta testa sul f****to tavolo. Questo avvenne nella sala del consiglio, pubblica, affinché tutti potessero vedere e ascoltare.

Il TECT non ha chiamato la polizia per sporgere denuncia. Rizzo dovette invece promettere di non chiedere la rielezione del presidente e il Consiglio acconsentì a sottoporsi ad arbitrato davanti al Collegio per i Rapporti di Lavoro. Il Provveditorato ha perso.

È costato loro $ 60.000 più spese legali e di consulenza. Il consulente legale esterno, BLG, probabilmente ha inviato loro un biglietto di ringraziamento. Non è costato niente a Rizzo. Salvo l'approvazione del TECT per lei e i suoi compagni piagnucoloni, i trustee Li Preti e De Domenico, alle elezioni tra due mesi. I bambini, invece, non ci hanno guadagnato niente.

Così, nel giorno dell'indipendenza ucraina, il 25 agosto, Markus De Domenico, vestito di blu e giallo, ha innalzato una bandiera orizzontale come sfondo per la sua partecipazione virtuale a una riunione dei direttori del TCDSB. Era ridicolo. De Domenico è maltese, non ucraino.

Nemmeno Vladimir Zelensky, il presidente dell'Ucraina, mette in scena questo spettacolo. Ma il presidente non è in corsa per la rielezione come fiduciario convertito al culto woke nella comunità cattolica di Toronto.

Ciò che è triste, se non riprovevole, è il tempismo quasi coordinato associato a un articolo sulla piattaforma digitale del Toronto Star in cui De Domenico si avventa su TECT, proprio mentre cantava per il suo sostegno all'Ucraina. L'articolo è visto come una condanna al TECT per aver presentato un ricorso contro il TCDSB per violazione del contratto e per aver richiesto $ 25.000 di danni nel processo.

Qual è stata la violazione? Alcune classi delle scuole elementari, all'inizio della primavera, avevano visto il loro numero aumentare fino a 40 studenti, il 30% al di sopra del limite consentito. Eravamo ancora in condizioni di Covid-19. Il TECT si è opposto, come è suo diritto... tuttavia... gli studenti sono ucraini e le circostanze del loro inaspettato arrivo in terra straniera hanno richiesto "misure mirate" e compassione.

Il TDSB, il consiglio delle scuole pubbliche di Toronto, ha conciliato entrambi. Ha integrato 361 studenti in 146 scuole secondo un rapporto citato nello Star. Questo rappresenta una media di 2,5 studenti rifugiati ucraini per scuola.

Il Provveditorato di De Domenico ha accolto solo 170 bambini in tre delle sue scuole elementari e alcune scuole superiori. Che sia troppo poco o non abbastanza, non ci sono state classi e nessuna scuola aperta per due mesi.

In ogni caso, né il TECT né i singoli docenti di classe hanno la capacità di “operare” piani abitativi approvati da clown fiduciari come De Domenico. Quel potere e quell'autorità riposano esclusivamente sulle spalle del segretario-direttore Brendan Browne. E lui dov'era?

Secondo l'articolo dello Star, De Domenico si lamenta della mossa di TECT perché "abbiamo spostato montagne" per trovare spazio per questi bambini. Guardi la topografia di Toronto e scelga una metafora più appropriata. TDSB ha ospitato il 212% in più di rifugiati ucraini; devono avere personale senior più interessato, più competente e più dinamico.

Due mesi dopo, a due settimane dall'inizio del nuovo anno scolastico, De Domenico esprime le sue preoccupazioni. Oh, per favore. Non ha l'autorità di parlare ai media a nome del Provveditorato. TCDSB è in trattative di contrattazione collettiva con TECT. Non è chiaro come questo possa aiutare quel processo oppure i bambini. La gente di Browne avrebbe dovuto saperlo.

Grazie, Browne e De Domenico. Avete infangato l'educazione cattolica con un altro colpo diretto all'occhio.

Il Corriere ha cercato di contattare TECT senza risposta al momento di andare in stampa.

Nella foto in alto, Markus De Domenico (dal suo profilo Twitter)

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.