Da “svantaggiato a oppressore”:
Wokisti all'attacco

di Joe Volpe del July 19, 2022

TORONTO - La corsa alla leadership del partito conservatore britannico si sta trasformando in uno spettacolo transfobico - CNN.

Questo è il titolo di un articolo sulla CNN, aggiornato da Tara John, il 18 luglio, che porta a un'ultima settimana di selezioni per il ballottaggio per determinare il prossimo leader del Partito Conservatore e Primo Ministro della Gran Bretagna.

La CNN, considerata da molti la voce della sinistra americana, ha perso quote di mercato da quando la partenza del loro capogruppo preferito Donald Trump ha perso la Presidenza. È naturale aspettarsi che cerchino un altro tema in cui i "non problemi" sono gonfiati a dismisura. Bisogna pensare al futuro perché il prossimo Leader sarà il prossimo Primo Ministro della Gran Bretagna.

“Oltre alle normali promesse di tagli alle tasse o di uno stato snellito”, sostiene l’autore John, “c'è stata anche un'entusiastica promozione di posizioni anti-trans, che potenzialmente segnano un'intensificazione della 'guerra al woke' dell'attuale governo (enfasi aggiunta)".

Si prega di darsi una calmata. Non molte persone hanno le prove di ciò. Nemmeno tra coloro che vedono negli inglesi una preoccupazione squilibrata per le questioni sessuali. Non c'è guerra sul woke.

Quindi, cosa ha suscitato la preoccupazione della CNN? Gli americani hanno già abbastanza "problemi" propri. Mi vengono in mente il recente ribaltamento della sentenza Roe v. Wade da parte della Corte Suprema; la rinascita dei diritti degli Stati a spese dell'autorità federale e la crescente reazione contro i prepotenti provveditorati scolastici che cercano di vanificare i diritti dei genitori.

Nel mondo anglosassone, dove le usanze di nazioni di estrazione simile, le pratiche diventano parte del diritto comune spesso citato come modello da nazioni con patrimonio simile (America, Australia, Gran Bretagna, Canada, Nuova Zelanda) nel locale, è un elemento di una certa preoccupazione per coloro che vivono il movimento delle guerre culturali.

Si può solo immaginare l'isteria generata in quell'ambiente quando il team della campagna per il favorito, l'ex Chancellor of the Exchequer (ministro delle Finanze) Rishi Sunak (nella foto, da YouTube), ha fatto trapelare storie che spiegavano cosa intendeva la loro candidata sulle questioni dei diritti delle donne e del vocabolario di genere.

Nonostante le critiche dei media, il team di Sunak ha affermato che stava proteggendo i "diritti delle donne"... [quando]... ha riflettuto negativamente sulle "recenti tendenze per cancellare le donne attraverso l'uso di un linguaggio goffo e neutrale rispetto al genere". Il suo team ha verbalizzato che Sunak "farà appello alle scuole a essere più attente nel modo in cui insegnano su questioni di sesso e genere".

La CNN conclude che "molti dei candidati hanno assunto il ruolo di governo (guerra al woke), affermando le loro posizioni nel dibattito sul sesso e l'identità di genere".
Nancy Kelley, chief executive del gruppo per i diritti LGBTQ, Stonewall, ha sorprendentemente fornito una "visione più sfumata".

"Abbiamo una grave crisi del costo della vita, stiamo affrontando un'emergenza climatica globale, c'è una guerra in Ucraina... (e stiamo) affrontando le conseguenze della Brexit - il fatto che i media lo chiedano così ossessivamente sulle questioni (trans) e ci si aspetta che tutti i candidati esprimano le loro opinioni sul posto occupato dalle persone trans nella società è così sproporzionato e spaventoso "per un gruppo che rappresenta solo uno stimato 0,6% della popolazione".

In altre parole, questa potrebbe essere una storia incentrata sui media. Le stime del numero fluttuante di parole associate all'identità di genere in Gran Bretagna vanno fino a 150. Come tenerne traccia? L'unico paese, il Canada, che ha posto domande di identificazione specifiche nel suo ultimo censimento ha fornito una stima inferiore rispetto a quella della signora Kelley.

Nella sua pubblicazione dello scorso 27 aprile, StatsCan ha affermato che un canadese su 300 si è identificato come una persona gay o trans, cioè 1/3 dell'uno percento. Di questo, lo 0,19 percento era trans. Come tutti gli altri, meritano lo stesso trattamento di qualsiasi altro essere umano.

A giornalisti come Rex Murphy, che scrive per il National Post, i wokist hanno preso il controllo del portavoce della nazione - il primo ministro Trudeau - trasformando il dibattito altrimenti intellettuale in una "crociata virtuosa" che ignora le realtà socio-economiche che tutti devono affrontare. Quella crociata non accetta dissensi. Non da "gente normale", dice in un articolo critico di Justin Trudeau, il 16 luglio 2022.

Le sue uniche casse di risonanza sono i "think tank, i seminari politici, i piccoli imperatori del consiglio scolastico del woke". Come con la CNN e i Candidati alla Leadership Conservative in Gran Bretagna, non ci sono voti da ottenere ascoltandoli.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.