CorrCan Media Group

Cinque Stelle: la base si allontana ecco la nuova clamorosa batosta

Cinque Stelle: la base si allontana ecco la nuova clamorosa batosta

TORONTO – Un calo netto era nell’aria, ma nessuno avrebbe ipotizzato una tracollo di queste dimensioni.

A ventiquattrore dal voto il Movimento Cinque Stelle si lecca le ferite dopo la batosta subita alle elezioni regionali in Sardegna. Mentre non sono ancora state scrutinate tutte le sezioni, il dato del candidato governatore grillino Francesco Desogus si aggira attorno all’11 per cento.

Per capire le dimensioni dello scivolone pentastellato basta pensare che un anno fa, alle elezioni politiche del 2018, il M5S fu in grado di raccogliere oltre il 42 per cento dei voti in Sardegna.

Nel giro di dodici mesi, il Movimento ha registrato una perdita di oltre il 30 per cento dei consensi. Il dato è allarmante e conferma le difficoltà già venute a galla due settimane fa con il voto in Abruzzo, dove il partito ha visto dimezzare i voti rispetto alle elezioni dello scorso anno.

Il M5S ha cercato di minimizzare – come fatto in precedenza – ribadendo la differenza tra un voto per le politiche e uno per le regionali. Un ragionamento che in parte si può pure condividere, ma che allo stesso tempo porta a uno svilimento del reale significato di questa consultazione: la disaffezione, l’allontanamento di una parte consistente della base.

Che evidentemente non ha accolto con troppo entusiasmo l’alleanza di governo con Salvini, che osserva esterrefatta alla schizofrenica politica estera dell’esecutivo (scontro con la Francia, muro contro muro con l’Unione europea), che non condivide il giro di vite sulla sicurezza e sui migranti, che è preoccupata per i campanelli d’allarme sull’economia italiana, che non accetta il “salvacondotto” garantito a Salvini attraverso il voto sulla piattaforma Rousseau.

Allo stesso tempo, è evidente come un’altra parte dell’elettorato pentastellato abbia virato a destra, votando per la Lega.

I vertici del M5S, invece di minimizzare, dovrebbero cercare di capire le ragioni di questa repentina disaffezione: non facendolo, si comporterebbero esattamente come Matteo Renzi nella scorsa legislatura.

E sappiamo tutti benissimo come è andata a finire.

More in Il Commento
La DiviSa Commedia
May Mon ,2018
Mugsy Netanyahu
May Wed ,2018
Senza parole …
May Thu ,2018
Tutto fumo …
May Tue ,2018
50 YEARS OF FALL
Apr Wed ,2018
TEAM DOUG FORD
Apr Mon ,2018
SMARRITA STAGIONE
Apr Thu ,2018
Mercato immobiliare
Apr Thu ,2018
Grazie ai dazi
Apr Tue ,2018
Undocument workers
Mar Fri ,2018
BENVENUTO
Mar Thu ,2018
Voto Democratico
Mar Tue ,2018
Dai Doug, pensaci!
Mar Thu ,2018
L’ultima cena …
Mar Wed ,2018
COSTRUIRÒ UN MURO
Mar Mon ,2018
Billy Graham
Feb Thu ,2018
Sono tornatoooo!
Feb Tue ,2018
Le nuove reclute
Jan Wed ,2018
TUTTI FUORI!
Dec Wed ,2017
Only in Canada
Nov Thu ,2017
I selfie di Trudeau
Nov Tue ,2017
The black Friday
Nov Wed ,2017
AzzurriGate
Nov Fri ,2017
CIA at work
Nov Wed ,2017
Ynot is Back!! Run!
Oct Fri ,2017
Adios Spagna
Oct Tue ,2017
NAFTA – Ole`!
Sep Tue ,2017
Carrier Art Gallery
Sep Fri ,2017
Solo nel Texas
Sep Wed ,2017
This is MY LAND
Aug Wed ,2017
TOTTI ritorna
Aug Mon ,2017
Amleto vs Trump
Aug Thu ,2017
Trump eclipse
Aug Tue ,2017
Sparito un altro
Aug Mon ,2017
Fiocco rosa-salmone
Aug Thu ,2017
Bye Bye baby
Aug Wed ,2017
Toronto?
Jul Fri ,2017
Juve – Milan ???
Jul Wed ,2017
NAFTA NEGOTIATIONS
Jul Mon ,2017
The law is an ass
Jul Fri ,2017
Che tempo fa oggi?
Jul Fri ,2017
Beach Closed
Jul Tue ,2017
Giu` le mani!
Jun Wed ,2017
No TU No!!
Jun Mon ,2017
Nuovo accordo CETA
Jun Thu ,2017
“Bugiardo!”
Jun Fri ,2017
We Have Moved
Jun Fri ,2017
NATO Today
May Fri ,2017
Not So Fast Justin!
May Thu ,2017
Black bear revenge
May Tue ,2017
Predatori sessuali
May Thu ,2017
Tory Mendicante
May Wed ,2017
Juve vs. Barcellona
Apr Wed ,2017
Mondo Cane
Mar Fri ,2017
Durante la tempesta
Mar Wed ,2017
Happy Women’s Day
Mar Wed ,2017
YRDSB – Sweep
Feb Tue ,2017
Amici come prima
Feb Thu ,2017
Super Taxman
Jan Wed ,2017
No Means No
Jan Mon ,2017
Buon Natale Juve
Dec Wed ,2016