CorrCan Media Group

Campionato alle porte, Ancelotti e Conte sfidano Sarri

Campionato alle porte, Ancelotti e Conte sfidano Sarri

Campionato alle porte, Ancelotti e Conte sfidano Sarri

TORONTO – I lavori sono ancora in corso, ma sabato si comincia con quello che si ha.

La Juve di Sarri – che inizia a Parma – deve sfoltire un cucina con molti cuochi, chef di nome e prestigio alcuni maldisposti alla panchina.

Il Napoli di Ancelotti – che parte con una doppia trasferta a Firenze e poi, udite udite, in casa della Juve – cerca il colpo grosso in avanti, Icardi.

L’Inter di Conte non essendo riuscita a prendere Dzeco, setaccia il mercato per un’altra punta alta e possente. Potrebbe essere Milik, da inserire nel pacchetto Icardi. Oppure potrebbe essere lo stesso Icardi.

È vero che lo strappo tra Beneamata e Maurito appare insanabile. Ma nel calcio tutto ed il contrario di tutto è sempre possibile.

Il bomber argentino, nella partita scudetto, potrebbe essere il jolly del Napoli, e della stessa Inter, sempre che le pretese della Wanda non gli abbiano bagnato le polveri del tiro in porta.

Potenzialità delle concorrenza a parte, la Juve questo campionato potrebbe solo perderlo se la squadra non si adegua al cosiddetto “sarrismo”, il sistema di gioco fondato sulla velocità e la propensione offensiva.

Le mine vaganti di Sarri sono soprattutto Dybala e Higuain. Lo scorso anno “La Joya” non è riuscito a coabitare bene con CR7, tanto è vero che hanno cercato di venderlo. Ora tocca a Sarri trovargli il posto, ed il ruolo giusto, in modo da massimizzare il suo rendimento, e quello di Ronaldo.

Per quanto riguarda Higuain, lui vorrebbe restare, la Juve vorrebbe cederlo perchè oggi è poco veloce per il gioco di Sarri. E perchè, sembra, che tra lui e CR7 non corre buon sangue da quando entrambi erano al Real.

La storia degli 8 scudetti consecutivi mostra una formazione strutturata e abituata a vincere. La squadra ha giocatori e mentalità per puntare ai più importanti obiettivi della stagione però la squadra avrà ancora la sete di vittoria? Qualche dubbio può sorgere dopo i traguardi raggiunti, però sull’altro patto della bilancia ci sono argomenti che possono togliere ogni dubbio.

La più evidente è certamente la presenza di Cristiano Ronaldo, un campione che si auto programma ogni giorno a vincere e questo non può che essere uno stimolo a tutta la squadra. Il nono scudetto è possibile, anzi molto probabile, ma il sogno resta la Champions. In Europa la Vecchia Signora , però, continua a restare a secco.

Una curiosità: nel borsino scommesse la Juve retrocessa è data 4.000 (quattromila) ad uno.

Ed eccoci alla concorrenza…

Napoli – In questo momento lotta con l’Inter per lo scudetto di cartone, il secondo posto. I partenopei sono con lo stesso allenatore e sostanzialmente hanno la stessa rosa dello scorso anno, il gruppo è solido e la quadra è ben organizzata. Il salto di qualità gli azzurri potrebbero farlo con Icardi. A nostro parere, il Napoli ha però l’handicap di un centrocampo leggero, dove occorrerebbe almeno un altro elemento di quantità e qualità come Allan. In ogni caso, dopo le prime due partite si capirà che tipo di campionato sarà quello d el Napoli.

Inter – Marotta-Conte è stato il tandem che ha saputo creare il ciclo vincente della Juve e se i tifosi nerazzurri non ne erano particolarmente entusiasti a giugno, le prime uscite e l’acquisto di Lukaku, hanno fatto cambiare subito lo stato d’animo. Adesso si guarda tutto avanti, magari aspettando qualche nuovo colpo nella speranza di poter spezzare l’egemonia dei rivali bianconeri. Questo nuovo corso ha dato una impronta subito decisa e si a. da a 2 giovani ambiziosi come Sensi e Barella per mettere ordine a centrocampo e puntare ai più ambiziosi traguardi. Sarà una sfi da importante per i nerazzurri in questa stagione, e puntando sulla solidità della difesa può sperare di mettere fine all’egemonia bianconera.

Roma – Il miglior acquisto é… Dezko, che non è stato ceduto. I giallorossi sono di fronte all’ennesima rivoluzione a cominciare dal tecnico nuovo: Fonseca è reduce da buone prove all’estero e i giocatori della rosa attuale sembrano gradire il gioco proposto.

Atalanta – La Dea ha cambiato poco ma quest’anno dovrà battersi su due fronti, la Champions dà stimoli ed onori, ma sottrae forze fi siche e mentali alla squadra.

Milan – Il club ha cambiato molto, a cominciare da Giampaolo, tecnico preparato reduce dalle buone prove di Empoli e Sampdoria. Per lui sarà un test importante per dimostrare di essere in grado di allenare su una piazza difficile come quella rossonera. Sono arrivati (e forse stanno arrivando ancora) giovani interessanti, da integrare con l’ossatura dello scorso anno ma è praticamente impossibile che la squadra sia già pronta a competere in chiave scudetto.

Lazio – Milinkovic è ancora laziale, s e non si muove prima dei settembre resta alla corte di Simone Inzaghi la cui squadra è praticamente la stessa dello scorso anno, forte ma non fortissima.

Fiorentina – Rocco Commisso fino ad ora non ha venduto Chiesa. Chiesa in viola guadagna 1.7 mln a stagione. Nella Juve ne avrebbe intascati quasi sei a campionato. Ma Commisso ha detto che non lo vende, specialmente alla Juve. Il nuovo patron è nato in Calabria. Da quelle parti hanno la testa dura e mantengono quello che promettono.

Il programma della prima giornata La stagione 2019-20 inizia sabato 24 agosto con due anticipi Parma- Juventus (diretta Tln, mezzogiorno) e Fiorentina-Napoli (Tln, 2.45 pm ora di Toronto). Domenica 25: Udinese-Milan; Cagliari-Brescia; Verona-Bologna; Roma-Genoa; Sampdoria-Lazio; Spal-Atalanta; Torino-Sassuolo Lunedì 26: Inter-Lecce. La seconda giornata di campionato inizierà venerdì 30 agosto con il derby emiliano tra Bologna e Spal. Proseguirà poi con i due anticipi del sabato, tra i quali Juventus-Napoli, e il resto degli incontri la domenica sera.

Raitalia tace… Raitalia non ha ancora reso noto se continuerà a trasmettere le partite della Serie A.