Caciara al Toronto Catholic
District School Board

di Joe Volpe del July 21, 2022

TORONTO - Ieri sera, sono uscito dalla riunione del Toronto Catholic District School Board con diverse impressioni da condividere in particolare con i nostri 177.000 residenti di Toronto che si identificano etnicamente come italiani; più in generale con i circa 1.000.000 residenti di Toronto che sono teoricamente cattolici e, infine, con altri fiduciari dei consigli scolastici dei distretti cattolici dell’Ontario.

In primo luogo, pensate ai fiduciari scolastici come cibi commestibili - è una metafora - quindi svuotate le vostre provviste di tutte le mele marce. I negozi di generi alimentari lo fanno con i loro prodotti freschi prima dell'orario di chiusura, tutti i giorni. In secondo luogo, ripulire le stalle può diventare un compito arduo anche per Ercole a meno che personale competente e disponibile non le arieggi e le pulisca regolarmente. Terzo, la pomposità è solitamente fuori luogo e quasi sempre funge da maschera per la putrefazione presente all’interno.

In quarto luogo, i "consigli degli esperti" non sostituiscono la responsabilità elettorale. Cinque, gli elettori cattolici hanno la fortuna di andare alle urne perché possono fare qualcosa per salvare il loro sistema educativo e i loro figli da persone maliziose, egoiste e cattive.

Iniziate con l’ascoltare la registrazione dell'incontro di ieri sera e chiedetevi perché mai dovreste votare per le seguenti persone Markus De Domenico, Norm Di Pasquale, Ida Lipreti e Maria Rizzo.

A proposito, io e il Corriere siamo impegnati in una causa contro questi ultimi quattro. Questa stessa Banda dei Quattro fa anche parte di una manipolazione del Tribunale per i Diritti Umani per citare in giudizio gli altri loro colleghi fiduciari Nancy Crawford, Teresa Lubinski, Michael Del Grande, Garry Tanuan e Angela Kennedy per danni alla salute mentale di un ex fiduciario studentesco.

Angela Kennedy è in una categoria di incompetenza progettata specificamente e unicamente per lei. Voglio essere gentile. In tre diverse occasioni, ha chiesto una "intervallo" - sospensione della riunione - presumibilmente per rivedere "le sue istruzioni".

Quelle istruzioni devono aver incluso una tattica mai utilizzata prima per espellere fiduciari scomodi dalla riunione. Consideratelo come un "blocco" delle persone che non sono d'accordo con voi dal vostro account Twitter. Solo che qui i “bloccati” sono funzionari eletti.

Diligentemente, Kennedy tentò di allontanare dall'incontro due suoi colleghi (Teresa Lubinski e Daniel Di Giorgio). Lubinski era stato oggetto di prepotenza verbale condiscendente da parte di Markus De Domenico. Ha protestato inutilmente contro il suo comportamento "misoginistico".

Di Giorgio protestava contro la premessa procedurale e politica di quello che era chiaramente, anche per osservatori esterni come me, un incontro orchestrato per metterlo in imbarazzo personalmente. Non c'era nessun altro punto all'ordine del giorno. Fatta eccezione per la reputazione del Consiglio.

Il proverbiale "sicario"/”consulente esperto” era il consulente esterno, Eric Roher, di BLG. Egli si è trovato già in situazioni simili, il 7 novembre 2019 e in successivi incontri su questioni di “giustizia naturale” e “equità procedurale”. A questo osservatore sembrava che questa volta la sua posizione fosse l'esatto opposto, sebbene l'obiettivo fosse lo stesso: affondare il bersaglio.

Nel 2019 il bersaglio era Del Grande, martedì sera, Di Giorgio. Il Consiglio è coinvolto in una enorme causa legale derivante dalla consulenza/assistenza richiesta a, e offerta dall'esperto dell’istruzione di BLG. Martedì ha fallito. Cosa accadrà quando il primo caso andrà in tribunale questo autunno con la scorsa notte come punto di riferimento? L'importo della spesa finanziaria sottratta all'istruzione dei nostri figli per pagare i danni sarà astronomico.

Permettetemi di ricordare ai cattolici il personaggio storico Ponzio Pilato. Come "tattica", la sua presenza ha oscurato tutto. Il Direttore associato, il Consulente legale interno del Consiglio e il Parlamentare hanno sottoposto a BLG tutte le questioni relative alla procedura e alla policy. Il direttore, Brendan Browne, dopo aver seminato i semi del dissenso al suo arrivo nel settembre del 2019, era convenientemente assente.

Qualunque cosa accada, “l'armamento” delle questioni del Trustee Code of Conduct ha sostituito il buon senso, la decenza del comportamento e lo scopo nelle deliberazioni del Consiglio. Questo deve cambiare. Si dovrebbe iniziare con l'incoraggiare le brave persone a sostituire gli "imperatori del movimento woke".

Qualcuno ha segnalato che una certa Gabriella Mazarakis si è iscritta per contestare De Domenico. Tutti dovrebbero prenderla inconsiderazione.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.