CorrCan Media Group

Al voto in Alberta una destra unita non poteva perdere

Al voto in Alberta una destra unita non poteva perdere

Al voto in Alberta una destra unita non poteva perdere

TORONTO – Tutta una questione di numeri: in Alberta un partito sintesi dei due tronconi della destra non avrebbe mai potuto perdere.

Lo dice la storia politica della Provincia, lo conferma il confronto con i flussi elettorali del passato, lo ribadiscono i risultati del voto di martedì.

Non c’è nulla di eccezionale nella vittoria, netta, di Jason Kenney e dello United Conservative Party.

Il breve interregno di Rachel Notley e dell’Ndp è stato possibile solamente per via della frattura, che all’epoca appariva insanabile, tra i due principali azionisti di maggioranza della galassia conservatrice dell’Alberta e non grazie a una presunta ondata arancione che non è mai avvenuta, nemmeno nel 2015.

Stando ai risultati quasi definitivi di ieri, lo United Conservative Party ha conquistato il 55 per cento delle preferenze, contro il 32 dell’Ndp. Quattro anni fa la Notley si prese la maggioranza assoluta con il 40 per cento con 603.459 voti, mentre la somma delle due destre – Progressive Conservative e Wildrose Party – arrivò al 52 per cento, con 773mila preferenze: cifre queste essenzialmente speculari al risultato raggiunto da Kenney in queste elezioni.

Ma per dare un giusto peso a quanto accaduto in quest’ultima tornata elettorale, bisogna andare indietro al voto del 2012, la prima volta in cui il Wildrose guidato da Danielle Smith divenne competitivo, almeno da un punto di vista elettorale dopo l’esordio del 2008.

Il Progressive Conservative di Alison Redford totalizzò il 44 per cento dei voti, il Wildrose sfondò quota 34 per cento: le destre, cioè, sfiorarono la maggioranza bulgara dell’80 per cento delle preferenze con oltre un milione di voti. L’Alberta, nella sua natura e nella sua identità, è una provincia essenzialmente conservatrice.

Tolta la parentesi della scorsa legislatura, i tory hanno governato ininterrottamente dal 1971 e prima di loro abbiamo avuto due lunghissimi monocolori di altre formazioni di destra: lo United Farmers (tre governi dal 1921 al 1934) e Social Credit (nove governi dal 1935 al 1971).