CorrCan Media Group

Leafs, rimonta fallita È una serie tipo yo-yo

Leafs, rimonta fallita È una serie tipo yo-yo

TORONTO – La serie sembra un giochetto yo-yo. Vittorie alternate a sconfitte per quattro volte ed ecco il 2-2.

Anche la quarta partita (terminata 6-4 per gli americani) ha avuto uno svolgimento tipo yo-yo, continui alti e bassi. I Leafs sono stati, purtroppo, quasi costantemente nella parte bassa dal match.

Scesi sul ghiaccio senza la “cazzimma”, la grinta, di gara tre, non hanno saputo-potuto arginare la furia dei Bruins in generale e in particolare dei tre compagni di merenda, detti anche i Tre dell’Ave Maria, Marchand, Bergeron e Pasternak.

Poi ci si è messo anche Zedeno Chara. Il gigante, che ha 42 anni, esattamente il doppio dell’età di Mitch Marner (buona ma non eccezionale la sua prestazione) ha segnato il gol decisivo con un tiretto non visto da Federico il Rosso che ha alternato, come tutta la squadra, grandi cose a fatali incertezze. In particolare ha fallito la cosiddetta “unita’ ammazza penalità” che è venuta meno in occasione del primo gol (McAvoy) e del quarto gol (Pastrnak).

Quando in parità numerica, i Leafs sono sembrati migliori degli avversari operando due rimonte, una completata, l’altra no.

Dopo tre minuti, un tipetto che gioca con il sangue agli occhi, Charlie McAvoy, zittisce il pubblico di casa segnando in powerplay la rete dell’1-0. Tre minuti dopo raddoppia il più velenoso dei tre compari di merenda, Brad Marchanda: 2-0 ed il gelo cala sulla Leaf Nation.

I primi segnali di riscossa si hanno a due minuti dalla prima sirena quando Zach Hyman devia un tiro di Morgan Rielly e batte per la prima volta Tuukka Rask. Come comincia il secondo tempo Auston Matthews agguanta il pari, 2-2.

Ora la squadra, il pubblico, la città ci crede.

Invece su tutti rovescia due secchiate di acqua gelata David Pastrnak, il cui nomignolo è Pasta. Quando gioca contro i Leafs l’ala dei Bruins è sempre in versione “pasta all’arrabbiata” e lo conferma anche con questa doppietta.

Quando Chara trova la rete del 5-2, sembra finita. Ma i Leafs hanno avere nove vite, come i gatti. Matthew in powerplay e Travis Dermott portano i padroni di casa ad una rete dagli ospiti.

Mancano sei minuti e mezzo alla terza sirena, il tempo per completare la rimonta ci sarebbe. I Blues ci provano, ma alla fine è Jopakim Nordstrom che fissa il risultato sul 6-4 insaccando nella porta lasciata sguarnita per un attaccante extra.

Ora la sfida si risposta a Boston, dove si gioca questa sera. La sesta partita è in programma domenica a Toronto.

Sara’ una Pasqua di resurrezione? Speriamo.

More in Hockey
Corriere Comunità
May Fri ,2017
VILLA MONTELEONE
Dec Thu ,2016
Cultural Events
Nov Sat ,2016