CorrCan Media Group

Appena un “brodino” per i Maple Leafs

Appena un “brodino” per i Maple Leafs

TORONTO – Il playoff è alle porte, la squadra continua a giocare male ma nessuno sempre preoccuparsene.

Anche la stampa – scritta, parlata o social – non suona l’allarme e non mette pressione su coach e giocatori. È come se tutti fossero certi che i Leafs si trasformeranno da così a così non appena si comincerà a fare sul serio.

Resta il fatto che anche sabato sera i Leafs sono riusciti a prendere soltanto un “brodino” contro una squadra che naviga nei bassifondi, i Rangers.

Il “brodino” in questione sarebbe il punto che tocca a chi chiude i tre tempi regolamentari sul pareggio e poi perde (2-1) in overtime, come è accaduto nella circostanza.

La partita dell’undicesima sconfitta nelle ultime 12 partite, è restata inchiodata sullo 0-0 per i primi due tempi grazie soprattutto alle parate del portiere di riserva dei Rangers, tale Alexander Georgiev, che nella circostanza ha parato 44 dei 45 tiri scagliati dagli uomini in blu.

Il fatto che attaccanti del calibro di Taveres e Matthews non abbiano fato centro in una partita dominata territorialmente è, in vista del playoff, un ulteriore campanello di allarme.

Frederick Andersen, che pure non ha giocato male ma non è mai stato all’altezza del suo dirimpettaio, è stato battuto da Pavel Buchnecich dopo 19 secondi del terzo tempo.

Il pareggio dei Leafs arriva dal bastone di Zach Hyman otto minuti dopo. La partita va al tempo extra ed i Rangers impiegano meno di due minuti per raccogliere i due punti con Ryan Strome.

I Leafs giocheranno questa sera, ancora in casa, contro Florida Panthers.

More in Hockey
Corriere Comunità
May Fri ,2017
VILLA MONTELEONE
Dec Thu ,2016
Cultural Events
Nov Sat ,2016