CorrCan Media Group

“Sono un pilota più forte, ma la Ferrari è più debole”

“Sono un pilota più forte, ma la Ferrari è più debole”

“Sono un pilota più forte, ma la Ferrari è più debole”

ISTANBUL – La Formula 1 fa il suo ritorno in Turchia, dopo nove anni di assenza. Per il ferrarista Charles Leclerc sarà la prima volta all’Istanbul Park – dove si era corso tra il 2005 e il 2011 – e vuole ben figurare in questo suo debutto: “Sono un pilota più forte rispetto a inizio stagione, anche se la macchina è più debole rispetto all’anno scorso”, ha detto il monegasco in conferenza stampa.

Il quart’ultimo appuntamento stagionale della Formula 1 non era stato inserito nel calendario originale, ma gli stravolgimenti legati alla pandemia di Covid-19 hanno permesso all’autodromo anatolico di avere la possibilità di organizzare un GP dopo quasi un decennio.

La Ferrari, in passato dominante sulle curve della Turchia, sta ora cercando di chiudere dignitosamente una stagione molto complicata. Charles Leclerc è quinto nella classifica piloti, in piena bagarre con Daniel Ricciardo e Sergio Perez per il quarto posto.

“Per me sarà la prima volta all’Istanbul Park. Ho visto qualche video e mi sono fatto raccontare la pista da chi ci ha già gareggiato e ho avuto solo pareri positivi. So che si tratta di un tracciato molto vario, con cambi di pendenza e curve spettacolari. In particolare mi aspetto belle sensazioni dalla curva 8. Vedremo come sarà girarci con le monoposto di oggi. Questo sarà nuovo per tutti”.

Leclerc si dice sicuro di sé in conferenza stampa: “Sono un pilota più forte rispetto all’inizio della stagione, anche se la macchina è più debole rispetto all’anno scorso. Nei momenti difficili ho trovato la determinazione in altri modi, cercando di migliorare anche non potendo lottare per la vittoria o per il podio. Lottiamo per posizioni più basse, ma è nelle difficoltà che ti avvicini di più alle persone che lavorano con te ed è quello che sta accadendo: stiamo cercando di aiutare il team a tornare al livello che vorremmo e questo sta creando legami molto forti, sperando che questa situazione possa durare meno possibile”.

Nella classifica costruttori, invece, la Scuderia di Maranello rischia seriamente di chiudere fuori dalle prime cinque posizioni, evento che non si verifica dal 1980. Così, sulla rimonta, il 23enne pilota monegasco dichiara: “Quando riusciamo a sfruttare tutto il potenziale siamo competitivi, ma credo che sarà difficile recuperare punti alla Racing Point, soprattutto se loro faranno tutto alla perfezione”.

L’altro ferrarista, Sebastian Vettel – agli ultimi gran premi col Cavallino – del compagno di squadra ha infine detto: “Charles sta facendo un bel lavoro, sta tirando fuori il massimo potenziale dalla macchina e sta guidando con grande maturità”.