CorrCan Media Group

La St. Sebastian salva il TCDSB dall’ignominia educativa

La St. Sebastian salva il TCDSB dall’ignominia educativa

TORONTO – Spendiamo annualmente circa 12mila dollari a studente, dai fondi pubblici, per istruire i nostri ragazzi, durante gli anni delle scuole elementari e superiori. Cosa guadagniamo da questo investimento?

Ogni anno, l’Education Quality and Accountability O­ce (EQAO) valuta la prestazione scolastica individuale nella lettura, la scrittura e l’aritmetica, degli studenti nelle classi di terza e di sesta.

Non per vedere se stiamo ottenendo beneficio dal nostro denaro, ma principalmente per offrire agli insegnanti un ulteriore strumento pedagogico.

Il pubblico vede i risultati come un metro, un rilevatore di successo o fallimento.

Il Fraser Institute, un “think tank” privato, ha preso in esame quei risultati, per provvedere in parte uno standard comparativo e oggettivo grazie al quale i genitori potrebbero trarre delle conclusioni riguardo l’e­cacia della preparazione che i loro figli ricevono dalle istituzioni preposte e competenti.

Con l’uso dei risultati EQAO si delinea un sistema di classificazione mettendo a confronto 3.046 scuole elementari dell’Ontario. Le classifiche sono state pubblicate lo scorso 19 gennaio.

Per ragioni illustrative, il Fraser Institute usa quattro colori classificatori: 1. Il Verde per quelle scuole che raggiungono gli stan-dard della regione dal 7.6 al 10.0; 2. Il Giallo per quelle che oscillano dal 7.5 al 6.0, risultato soddisfacente ma con la riserva di strategie per miglioramento; 3. L’Arancione per punteggi dal 5.9 al 4.1, chiaramente in zona “pericolosa” e 4. Il Rosso per le scuole che hanno risultati sul 4.0 o inferiori; non c’è bisogno di dare ulteriori spiegazioni.

Le scuole torontine, finanziate pubblicamente, non vanno bene. Solo 16 di esse hanno raggiunto il risultato massimo di 10.

L’immagine risulta più cupa se si è genitori o nonni con bambini che studiano nelle scuole del Toronto Catholic District School Board (TCDSB). Sarebbe meglio decidersi a parlare con il Preside, il Dirigente o uno dei Fiduciari.

Delle 155 scuole elementari del Provveditorato cattolico di Toronto in classifica, 17 (equivalenti all’11%) di esse sono nella zona rossa. Altre 58 (pari al 37.4%) sono nella zona arancione. Solo 74 di quelle scuole sono al di sopra della media regionale con un punteggio di 6.1. E appena 23 scuole (circa il 15%) hanno raggiunto lo standard regionale per classificarsi nella zona verde.

Inoltre, solo 13 scuole fanno parte del 10% in vetta alla classifica (tra le prime 304 scuole della regione). Grazie al Cielo, allora, per la scuola elementare Cattolica di Saint Sebastian. I bambini di questo quartiere popolare del centro città, di famiglie immigrate, sono stati gli UNICI studenti di una scuola del TCDSB a raggiungere un punteggio di 10. Ed è stata una delle sole 16, in ambito regionale, a classificarsi tale.

Gli studenti, i quali nomi riportiamo nella foto sopra, i loro insegnanti e il loro preside hanno ottenuto eccellenti risultati rispetto alle altre scuole del TCDSB, tanto che la prossima scuola del provveditorato cattolico in classifica è solo all’84mo posto (tre alle quali è andato l’onore).

Il fiduciario scolastico Frank D’Amico ha illustrato in questo modo i risultati: “Il preside Rita Federau e gli insegnanti Waite e Taylor, sono davvero dedicati ai loro studenti. Si impegnano sul serio” – ha aggiunto con enfasi – “Lavorano unitamente agli insegnanti di ESL e gli istruttori dell’International Languages Program inserito nelle ore scolastiche giornaliere, per rafforzare l’intero programma di studi. Che ironia.

Maria Rizzo, presidente del TCDSB è stata così citata in un articolo dello Star, in data 20 gennaio scorso: “Contenta di vedere la St. Sebastian in cima, ma… a lei non piace un sistema di classifica che usa un solo criterio di analisi, come i punteggi dell’EQAO, è ‘un po’ pigro’.”

Congratulazioni da parte del Corriere Canadese ai ragazzi e al corpo docente della Saint Sebastian.

More in Focus