In attesa del vaccino per quanto si può resistere?

di Priscilla Pajdo del January 12, 2021

TORONTO - Il Covid-19 rimarrà probabilmente parte della nostra vita per il futuro prossimo. Invece di migliorare, la situazione coi numeri di contagiati continua a dirigersi nella direzione sbagliata.

Per fortuna, c’è qualche speranza che il vaccino Covid-19 possa presto porre fine a questo virus spietato e indiscriminato.

Ora che il Paese sta somministrando vaccini a gruppi prioritari in tutta la nazione, quanto tempo ci vorrà prima che la maggior parte dei canadesi che vogliono riceverlo siano in grado di ottenerli? La risposta secondo il primo ministro Justin Trudeau è settembre 2021. E questa tempistica dipende dall’approvazione da parte di Health Canada di più vaccini rispetto ai due attualmente disponibili.

Secondo il Canada Covid-19 Vaccination Tracker, il Canada ha somministrato poco più di 25.000 vaccinazioni nelle ultime 24 ore. Poiché entrambi i vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna richiedono due iniezioni distanti almeno 21-28 giorni per l’immunizzazione completa - non c’è dubbio che il ritmo delle vaccinazioni e la distribuzione dei vaccini devono a salire.

All’11 gennaio, meno dell’uno per cento dei canadesi (0,89%), ha ricevuto almeno una dose. Per il Covid-19, non è ancora noto quale percentuale della popolazione debba essere vaccinata per ottenere l’immunità di gregge. Ma per vaccinare circa l’80% della popolazione canadese, l’attuale tasso di vaccinazione (25.000 al giorno) dovrebbe accelerare di circa sei volte e mezzo se c’è qualche speranza di avvicinarsi a tale obiettivo entro la fine del 2021.

Gli ultimi undici mesi di restrizioni e lockdown indotti dal Covid-19 hanno fiaccato i canadesi, desiderosi di vedere la fine di questo virus a volte letale. Un virus che nel nostro Paese ha contagiato oltre 660.000 persone e causato la morte di oltre 17.000 cittadini.

La speranza è che il vaccino possa porre fine a tutta la separazione sociale e l’incertezza economica.

Con quel barlume di speranza, i canadesi sembrano essere più disposti a farsi vaccinare.

Infatti, secondo l’ultimo sondaggio dell’Angus Reid Institute per misurare la volontà dei canadesi di vaccinarsi contro il Covid-19, il 60 per cento degli intervistati ha dichiarato che ne avrebbe avuto uno il prima possibile. Questo riflette un aumento del dodici per cento rispetto a un solo mese fa.

L’implementazione del vaccino ha attirato critiche sulla lentezza delle inoculazioni e sui problemi di carenza di approvvigionamento.

Più della metà degli intervistati (52%) dice che la quantità di tempo che dovranno aspettare per ottenere la loro dose è "troppo lungo". Alcuni rapporti suggeriscono che, nonostante gli avvisi di viaggio, alcuni canadesi che di solito passano una parte dell'anno negli Stati Uniti stanno prenotando voli verso Sud in luoghi come la Florida dove chiunque abbia più di 65 anni è in grado di ottenere il vaccino Covid-19.

Ci sono grandi rischi quando si viaggia all’estero durante una pandemia globale; tuttavia, l’aumento del sole della vitamina D combinato con il vaccino Covid-19 potrebbe essere l’ulteriore incentivo per le persone disposte a correre il rischio.

Con l’avvicinarsi dell’anniversario di un anno quando il Covid-19 ha attraversato il nostro confine e ha preso possesso della nostra nazione, le vaccinazioni di massa possono essere motivo di celebrazione e un’opportunità per una possibilità di vita per tornare a una sorta di normalità.

Per ora, mentre restrizioni più severe reprimono le comunità per mitigare la di°usione virale, i canadesi dovranno avere un po’ di pazienza e aspettare il loro turno in fila, dovunque possa essere.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
© Copyright M.T.E.C. Consultants LTD.
3800 Steels Ave. W., Suite 300, Vaughan ON, Canada
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.