CorrCan Media Group

Gli aggiornamenti sul Covid-19 nel mondo

Gli aggiornamenti sul Covid-19 nel mondo

Gli aggiornamenti sul Covid-19 nel mondo

TORONTO – I casi di Covid-19 continuano la loro incessante diffusione in tutto il mondo. Le uniche strategie efficaci finora sono quelle meglio descritte come “test, traccia e isola” – quarantena. Il dilemma è chi e come?

I numeri cambiano drasticamente e sono obsoleti non appena li schediamo. In questo rapporto progressivo, abbiamo aggiunto alcuni altri paesi per comparare in una “corsa che nessuno vuole vincere”– la corsa contro il tempo.

Il 3 maggio, la Johns Hopkins University Covid-19 ha segnalato 3.448.057 casi comprovati per il virus, in tutto il mondo. Un totale di 187 paesi/regioni sono interessati. Non tutti riferiscono in modo tempestivo o con gli stessi protocolli rigorosi.

I numeri cambiano continuamente. La maggior parte dei paesi ha confermato l’importanza dei test per convalidare le azioni nella fase due, quello che oggi viene comunemente chiamato l’approccio graduale a un ritorno alla normalità. Nessun piano d’azione globale concertato può avere successo senza un tracciamento e un isolamento coordinati dei test. Anche quando arrivano i risultati, diventa sempre più chiaro che il virus non discrimina tra età, razza o genere, anche se alcuni segmenti della demografia possono essere più suscettibili di altri.

Gli Stati Uniti promuovono questa strategia sotto la guida del dottor Antonio Fauci. Lui non è un allarmista, ma dice “facciamo finta che ce l’abbiano tutti” e escludiamo quelli che sono asintomatici in modo da poter trattare quelli che non lo sono.

Come i paesi in tutto il mondo aumentano i test, il numero in questo grafico dipingerà un quadro più chiaro. Dall’ultima classifica dell’edizione di venerdì, la Francia ha più che raddoppiato i suoi test. Ciò ha ridotto significativamente la percentuale di casi positivi confermati dal 35,9% al 15,3%.

Il Regno Unito ha fissato l’obiettivo di 100.000 test al giorno. Che raggiungano o meno quel bersaglio, i numeri mostrano che la percentuale di quelli confermati positivi è diminuita del 4%.

Anche se il numero di decessi continua a salire, la percentuale di coloro che sono risultati positivi nel Regno Unito si è ridotta così leggermente dello 0,4%.

Abbiamo inserito la Russia, con una popolazione di quasi 146 milioni di abitanti e molti altri paesi nella nostra tabella per una visione più ampia di ciò che sta accadendo altrove.

Sulla base dei numeri nel grafico, sembra probabile che nella nostra prossima relazione vedremo il numero di morti nel Regno Unito superare quelli in Italia. Allo stesso modo, quelli registrati in Francia supereranno quelli in Spagna e con ogni probabilità quelli dell’Italia, nel giorno successivo. Il nostro obiettivo è di mantenere i nostri lettori informati e aggiornati.