Due pesi e due misure per i negozi piccoli e grandi

di Priscilla Pajdo del November 26, 2020

TORONTO - La frenesia delle feste è in pieno svolgimento. Solo che questa volta sarà diversa da tutte le altre precedenti. Il Black Friday è uno dei giorni di shopping più affollati dell'anno che normalmente vede orde di clienti stipati nei centri commerciali di tutta la città. Non quest'anno.
La solita scena caotica dei compratori delle feste che cercano di accaparrarsi le migliori offerte su elettronica, vestiti, giocattoli o qualsiasi cosa vendibile, probabilmente non accadrà, almeno in alcune aree. Per mitigare la diffusione del Covid-19 e l'aumento dei casi, Toronto e la regione di Peel sono state messe in lockdown, chiudendo di fatto le porte allo shopping di persona. A meno che, ovviamente, il business non sia ritenuto essenziale.
Questa è una benedizione per le grandi catene e i grandi magazzini che vendono più del semplice necessario e sono autorizzati a rimanere aperti. Quale luogo è più probabile che sia motivo di preoccupazione nella trasmissione comunitaria del Covid-19, un grande magazzino affollato con una capacità limitata al cinquanta per cento o un'azienda più piccola con una manciata di clienti?
I sostenitori delle piccole imprese, come la Canadian Federation of Independent Business (CFIB), chiedono al governo dell'Ontario di implementare una politica di vendita al dettaglio per il Covid-19, denominata "Small Business First". Oltre a seguire le regole attuali che consentono ai rivenditori di beni di importanza critica a rimanere aperti, CFIB raccomanda che anche tutti i piccoli esercenti non essenziali siano autorizzati ad effettuare vendite in negozio con una capacità limitata per i clienti ed il personale.
Insieme alla politica proposta, il CFIB raccomanda altre misure come la prenotazione di appuntamenti per gli acquisti in negozio per evitare lunghe code fuori dagli esercizi commerciali. Adattarsi ad un mondo in cui esiste il Covid-19 implica cambiamenti e sacrifici.
Alcuni ritengono che le piccole imprese vengano prese di mira ingiustamente. "Le restrizioni del lockdown hanno avvantaggiato, in modo enorme ed ingiusto, le numerose grandi multinazionali", ha affermato il presidente del CFIB Dan Kelly. È questo vantaggio ingiusto che ha esasperato molti proprietari di piccole aziende nei confronti del governo, mentre alcuni sono arrivati al punto di sfidare le misure di lockdown e ad aprire le proprie porte al pubblico. Chiunque scelga di violare gli ordini di emergenza del Covid-19 dell'Ontario potrebbe essere soggetto a multe da $750 a $100.000.
Sia che si tratti di leggerezza, frustrazione o disperazione, sembra che la pazienza di alcuni proprietari di piccole imprese e di membri del pubblico che manifestano il proprio sostegno si stia esaurendo.
Nonostante i 300 milioni di dollari aggiuntivi in aiuti governativi disponibili per le piccole imprese colpite dalle restrizioni, insieme all'estensione del sussidio salariale ed ai programmi di sussidio del Canada Emergency Rent, per citarne alcuni, gli imprenditori di queste strutture colpite vogliono che ci sia un campo da gioco giusto per tutti, grandi e piccoli.
Anche dopo aver effettuato tutti gli investimenti necessari nei protocolli di sicurezza per mantenere i clienti e i lavoratori al sicuro, mentre sono nei loro stabilimenti, i proprietari dei negozi sono frustrati dal fatto che non possono aprire le porte alla loro clientela. Una situazione resa ancora più amara dal sapere che i rivenditori delle grandi catene sono in grado di vendere prodotti simili agli acquirenti nei loro negozi.
Il "calcio d'inizio" non ufficiale della stagione dello shopping natalizio - con le oerte del Black Friday - potrebbe rivelarsi redditizio per i giganti del settore che hanno consentito le vendite in negozio. Tuttavia, i piccoli rivenditori indipendenti, ai quali non vengono applicate le stesse regole, avranno le opzioni della vendita online, del ritiro sul marciapiede e consegna a domicilio.
Fino a quando non verrà implementata una serie migliore di misure standardizzate, che aiutino tutte le aziende a superare gli impatti economici del Covid-19, molti sperano semplicemente di farcela senza dover chiudere i battenti per sempre.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
© Copyright M.T.E.C. Consultants LTD.
3800 Steels Ave. W., Suite 300, Vaughan ON, Canada
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.