CorrCan Media Group

Droga: fentanyl, una crisi a livello mondiale con migliaia di vittime

Droga: fentanyl, una crisi a livello mondiale con migliaia di vittime

TORONTO – Il fentanyl uccide sempre di più ed in tutto il mondo.

Andrea Zamperoni, lo chef italiano emigrato a New York e trovato morto in una stanza d’albergo la scorsa settimana, ne sarebbe stato anche lui vittima.

Ma cos’è il fentanyl e perché in molti Paesi sta diventando un’emergenza?

Il fentanyl è un oppiaceo sintetico ma non nasce come droga a scopo ricreativo. Sintetizzato per la prima volta nel 1960 da Paul Janssen, il fentanyl è un antidolorifico molto potente – cento volte più forte della morfina – prescritto per il dolore, specialmente quello oncologico, mentre in combinazione con altre sostanze viene impiegato per l’anestesia.

L’uso medicale del fentanyl è approvato sotto rigido controllo sanitario. Il suo impiego è giustificato dalla gravità della patologia, tanto che l’Organizzazione mondiale della sanità lo ha inserito nella lista di farmaci essenziali per il trattamento dei tumori in stadio avanzato.

La via di somministrazione più comune in caso di analgesia è quella transdermica, tramite cioè cerotti da applicare sulla pelle.

Il dosaggio è stabilito dalla dimensione del cerotto, ma gli effetti e l’efficacia possono variare da individuo a individuo in base alle caratteristiche corporee e al sito di applicazione.

Ben presto, però, questo potente oppiaceo è stato intercettato dalla produzione e dal commercio illegale, utilizzato come sostituto economico dell’eroina in primis.

Più recentemente ha fatto il suo ingresso anche nel giro della cocaina, viene usato, anche all’insaputa degli acquirenti, per tagliare le partite di altri stupefacenti aumentandone così la pericolosità, come avvenuto nel caso dello chef italiano a New York.

Il mercato illegale o¡re altri prodotti di sintesi derivati dal fentanyl, alcuni dei quali molto più potenti e pericolosi, come il carfentanil che si stima cento volte più potente del fentanyl e diecimila volte più potente della morfina.

Come farmaco il fentanyl è tanto e¨cace quanto pericoloso. Si stima che la dose letale per l’essere umano sia di soli due milligrammi. L’overdose può portare anche al coma ed alla morte.

Dal 2016 al 2017, gli Stati Uniti hanno registrato un aumento dei decessi del 47% e nel 2017 le morti sono state circa 28.400. La prima vittima accertata del fentanyl, in Italia, è stata un 39enne di Milano che aveva comprato droga online.

In Canada, dal 2016, le morti per overdose da fentanyl sarebbero state ben diecimila, 2.177 delle quali nella sola British Columbia e nell’area metropolitana di Vancouver, dove l’epidemia ha mietuto un maggior numero di vittime tra i tossicodipendenti.

Giorgio Mitolo

More in Focus