CorrCan Media Group

Ora la Brexit manda in crisi il governo May: si dimettono due ministri

Ora la Brexit manda in crisi il governo May: si dimettono due ministri

LONDRA – Governo May in bilico per la Brexit. Nel giro di poche ore si sono dimessi due ministri, proprio quello per la Brexit, David Davis, e Boris Johnson che invece ha lasciato la carica di ministro degli Esteri.
Davis si è dimesso in polemica con May e la sua linea conciliante con la Ue sui termini di uscita dall’Unione Europea. “L’attuale tendenza politica e la tattica” stanno rendendo “sempre meno probabile” che il Regno Unito lasci l’unione doganale e il mercato unico, ha scritto Davis nella sua lettera di dimissioni alla premier.
La May ha replicato: “Non sono d’accordo con la tua caratterizzazione della linea politica sulla quale abbiamo trovato un accordo venerdì nella riunione di governo”.
Il riferimento è all’incontro che la premier ha avuto venerdì scorso con i principali ministri, per ricomporre la frattura che sie era creata all’interno dell’esecutivo conservatore tra euroscettici e ministri pro Ue.
May ha comunque già nominato il sostituto di Davis quale ministro per la Brexit. Si tratta di Domic Raab, sottosegretario all’edilizia ed esponente dell’ala euroscettica dei conservatori, i cosiddetti ’brexiteer’.
Raab è anche membro della commissione per l’Uscita dall’Unione europea della Camera dei Comuni ed è stato in passato sottosegretario alla Giustizia. La sua nomina è già stata approvata dalla Regina Elisabetta, come è stato reso noto ieri con un comunicato di Downing Street.
Poi, poche ore dopo le dimissioni di Davis, sono arrivate anche qyelle di Boris Johnson, ministro degli Esteri, poco prima di un intervento della stessa premier Theresa May davanti alla Camera dei Comuni. In una dichiarazione, Downing Street ha ringraziato anche Johnson per il lavoro svolto ed anticipato una sua veloce sostituzione.

More in Esteri
Cafone-in-chief
Mar Sun ,2017